Enrico Papi ribadisce il bullismo subito dai colleghi ma torna in tv

Intervistato dal settimanale Chi Enrico Papi torna sul tema bullismo perché lo ha riguardato in prima persona. Sembra che alcuni colleghi potenti non gli abbiano reso la vita facile ma Enrico Papi non fa i nomi, ammette però ancora una volta di essere stato una vittima. Mentre si prepara a tornare in tv con una nuova edizione di Scherzi a parte non nasconde di avere subito vessazioni, ma in passato. E’ per questo che non porta rancore, anche se non ha certo dimenticato. Papi parla di prepotenza, di scorrettezze, tutto compensato con l’affetto del suo pubblico e i dati di ascolto. Ci sono state anche delle voci sulla sua sessualità, un certo tipo di gossip a cui oggi non concede spazio perché commenta con ironia.

ENRICO PAPI SPOSATO DA 23 ANNI E DOPO 2 FIGLI COMMENTA LE VOCI SULLA SUA SESSUALITA’

“Le voci sulla mia sessualità? Un classico per chi fa questo mestiere, anche se non le nascondo che oggi più che mai potrei innamorarmi, in senso lato, di chiunque – ha risposto Papi a Chi –  E senza alcun problema. A oggi non è mai successo, pur avendo avuto i miei corteggiatori. Ma quando sento qualcuno rivendicare la sua eterosessualità inorridisco. Mi sembra quasi un’offesa”.

Tornando al bullismo subito da parte di alcuni colleghi potenti ha confessato: “Purtroppo in tv esiste un certo atteggiamento di prepotenza. Bullismo ricevuto da chi? Da colleghi potenti. Quando possono non rinunciano mai alle scorrettezze, ma le dirò: non porto rancore, per fortuna esiste l’ascolto”.

Ci chiediamo a chi possa riferirsi, chi sono i colleghi potenti di Papi? “Ho passato così tanti anni in casa Mediaset che, in qualche modo, la considero una seconda famiglia: sono entrato giovane e single sono uscito sposato e con due figli. La prima volta nell’aprile del 1996, mi notò Silvio Berlusconi mentre conducevo Chiacchiere su Rai1”. Colleghi della Rai o di Mediaset?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.