Addio a Raffaella Carrà: nella camera ardente pregano Maria De Filippi, Pippo Baudo e gli altri colleghi

Maria De Filippi è stata la prima ad entrare nella camera ardente per l'addio a Raffaella Carrà

Tra i primi colleghi a rendere omaggio a Raffaella Carrà nella camera ardente c’è Maria De Filippi, a seguire tanti altri, molti raccolti in preghiera per lei. L’ultimo saluto a Raffaella Carrà è fatto di silenzi e di sguardi, di raccoglimento davanti alla sua bara così semplice. La gigantografia della Carrà con i bambini, le rose gialle, tutto sembra così assurdo ma lei è andata via. Le parole di Pippo Baudo, le lacrime di Enzo Paolo Turchi e Sergio Iapino che resta accanto a Maria De Filippi in piedi davanti al feretro. Da ieri dopo il corteo funebre tutti possono salutare per l’ultima volta la regina della tv, domani venerdì 9 ci saranno i funerali.

L’ADDIO DI MARIA DE FILIPPI A RAFFAELLA CARRA’

Anni fa c’è stata qualche polemica a distanza tra Raffaella e Maria a causa di C’è posta per te ma la grandezza della Carrà è stata anche quella di avere proprio la collega avversaria in una delle puntate di A raccontare comincia tu. Non ha altro da dire Maria De Filippi di quanto già detto. Ha voluto essere la prima a salutare lei che le ha insegnato tanto.

Tra i tanti non poteva mancare Pippo Baudo che dopo averle dato l’ultimo saluto al Campidoglio ha commentato: “Noi siamo stati ammiratori di Raffaella, abbiamo avuto il privilegio di essere anche suoi amici e il dolore è maggiore in questi casi. La vita è così, ci riserva queste brutte sorprese. Non pensavo che fosse ammalata, nessuno di noi lo pensava, ha tenuto nascosta la sua malattia in maniera egregia, dando una prova di forza e segretezza, mostrando un enorme coraggio” ma non è tutto, gli elogi a Raffaella Carrà riguardano la sua preparazione, lei che aveva girato il mondo e parlava più lingue, era una grande artista e ce la invidiavano tutti. 

Renzo Arbore lega il ricordo di una diva internazionale “che non se la tirava” alle canzoni scritte per lei da Boncompagni: “Queste canzoni meravigliose che sembravano canzoncine, ma c’era sempre l’intuizione, l’originalità, la voglia di stupire”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.