Addio a Rossano Rubicondi: il saluto di Roberto Alessi che svela la causa della morte

rossano rubicondi morto

Dopo il post di Simona Ventura sui social, sono arrivati migliaia e migliaia di commenti. Nessuno riesce a credere alla notizia della morte di Rossano Rubicondi. Tutti si chiedono come sia possibile. Aveva solo 49 anni l’ex marito di Ivana Trump che ricorderemo per la sua energia e il suo sorriso. Lo abbiamo visto in una delle più belle edizioni dell’Isola dei famosi, quella che aveva lanciato anche Belen ( con la quale si è sempre detto avesse avuto proprio un flirt). Poche parole da parte della Ventura per annunciare la morte di Rossano. E tante le domande di chi non riesce ancora a credere che se ne sia andato. E’ Roberto Alessi, il direttore di Novella 2000, a svelare i motivi della morte di Rossano, scrivendo un pensiero per un uomo che ha conosciuto e che ha fatto parte della sua vita. Un addio commosso, quello di Alessi che parla appunto della causa della morte di Rossano, che si è spento a 49 anni. “Sono sconvolto e addolorato. Molto addolorato. È morto Rossano Rubicondi e aveva solo 49 anni. Pare cancro, alla pelle, un melanoma” ha scritto Roberto Alessi. La notizia intanto sta facendo il giro del mondo e ancora non si crede che Rossano se ne sia andato.

Il commosso ricordo di Roberto Alessi per Rossano Rubicondi

Dal sito di Novella 2000, il direttore Alessi conferma la notizia. Gliel’ha data un amico in comune, un imprenditore. Una telefonata che gli ha gelato il sangue. “L’avevo conosciuto tanti anni fa, credo quasi trenta. Io ero alle prime armi e Alberto Tarallo, mio amico, lo fece lavorare sia come modello e poi come attore partecipando a qualche film. Poi era andato a Londra, per dimenticare un amore con Linda Batista” scrive Alessi nel suo ricordo per Rossano Rubicondi. Oggi l’imprenditore lavorava negli Usa, pare che lui e Ivana Trump si fossero molto riavvicinati tanto da pensare a un nuovo matrimonio. Purtroppo non ci sarà modo di brindare insieme e di festeggiare perchè Rossano non c’è più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.