La rabbia di Amadeus: stasera L’anno che verrà ma la normalità non torna

amadeus capodanno

Stasera Amadeus condurrà L’Anno che verrà ma il Capodanno 2022 arriva ancora senza normalità, con il numero di positivi che aumenta anche tra gli artisti. Gigi D’Alessio ha già confermato la sua assenza. Federica Panicucci dovrà fare a meno di Al Bano e di Pio e Amedeo per il Capodanno in Musica di Canale 5. Difficile restare sereni e le emozioni di Amadeus esplodono in una frase: “Lavoro con il sorriso e la rabbia perché non torna la normalità”. Il 31 dicembre su Rai 1 l’appuntamento è fisso, lo show condotto da Amadeus ci sarà ma in conferenza stampa non manca il rammarico: la situazione non permette di tornare alla vera e totale normalità. Tutto sembra ancora così lontano, tutto mentre il conduttore prepara anche la terza edizione di Sanremo.

Amadeus entusiasta della location di questa sera ma il rimpianto è forte

“Ho condiviso tanti percorsi, per arrivare ad affrontare questo evento con grande entusiasmo. L’Umbria è definita come il cuore verde dell’Italia, è un orgoglio per noi essere ospitati qui ma credo che lo sia anche per la regione ospitare un evento come ‘L’Anno che verrà’ che la metterà ancor più in mostra, in Italia e nel mondo. E poi, questa struttura delle Acciaierie lascia davvero senza fiato. Sarà una bellissima notte, di arte e di musica”.

Come tutti rimpiange la normalità che non potevamo apprezzare e che adesso desideriamo così tanto. “Abbiamo un po’ di rabbia per non poter ancora svolgere questo evento nella assoluta normalità, a causa della pandemia – dobbiamo però essere positivi  – già rispetto a un anno fa abbiamo una stragrande maggioranza di vaccinati e la riapertura di tante attività, dai ristoranti ai cinema e ai teatri. Protagonista sarà la musica, poche chiacchiere e molte canzoni, famose e popolari”.

Stasera sul palco con Amadeus saliranno Clementino, Achille Lauro, Raf, Cristiano Malgioglio, Orietta Berti, Donatella Rettore, Massimo Ranieri, Arisa, Fausto Leali, Rcomi, Marco Masini, Nek e tanti altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.