Piacenza, 90enne uccisa: il movente è violenza sessuale


Non solo minorenni o ventenni: pare che anche le ultranovantenni dovrebbero stare attente e aver paura di essere violentate. E’ accaduto alla periferia di Castelvetro Piacentino, tra Piacienza e Cremona, dove è stato ritrovato il corpo privo di vita di un anziana di 91 anni. Il cadavere dell’anziana donna giaceva vicino ad un canale accanto ad una discarica. I carabinieri hanno fermato il presunto assassino: si tratterebbe di un vicino di casa della donna, un uomo di 42 anni già pregiudicato per violenza sessuali, anche a danno di minorenni.

Secondo i carabinieri, l’uomo sarebbe salito al terzo piano del palazzo in cui vive, entrando nell’abitazione della novantunenne, Stella Paroni, e, sempre da quanto affermano i carabinieri, l’uomo avrebbe voluto violentare l’anziana e dopo averla aggredita l’ha gettata dalla finestra. Il delitto si sarebbe consumato intorno alle 4 del mattino, e la donna, nell’impatto al suolo, sarebbe morta sul colpo.

Dalle prime ricostruzioni dei fatti, il 42enne sarebbe sceso in strada, avrebbe caricato il cadavere completamente nudo su una carriola e con questa l’ha portato nel canale, dove questa mattina verso le 9 è stato notato da una donna che ha avvertito i carabinieri.

Due testimoni, più tardi, hanno ammesso ai militari di avere visto l’uomo che portava un corpo su una carriola, ma che avevano pensato a una bambola gonfiabile.

Il vicino di casa della donna è stato fermato dai carabinieri mentre stava rientrando, tranquillo, a casa. Non hanno dubbi i carabinieri, il movente è stato proprio quello della violenza sessuale, ma prima dell’esame del cadavere non è possibile dire se la violenza sia stata consumata o meno.

Sara Moretti


2 commenti su “Piacenza, 90enne uccisa: il movente è violenza sessuale”

  1. 21 Marzo 2011

    […] è il primo caso di anziana che viene uccisa o comunque violentata da uomini molto più giovani della vittima. Quasi sempre alla base del […]

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close