Roma, giovane padre getta il figlio nel Tevere

Una notizia scioccante che arriva da Roma, città che questa mattina si è svegliata di buon umore per via della neve, evento straordinario nella Capitale. Ma questa notte si è consumata una tragedia che lascia tutti senza parole. Un uomo, un padre di 26 anni, avrebbe gettato il figlio di soli 16 mesi di vita nel Tevere. Ecco le ultime notizie. Si tratterebbe, secondo quanto si apprende, di un ragazzo già pregiudicato, con precedenti per droga. Avrebbe gettato il bambino di soli 16 mesi nel Tevere, questa mattina alle 6.30 circa. A notarlo è stato un agente della polizia penitenziaria che si trovava lì, sul ponte Mazzini. Il giovane è riuscito a fuggire ma è stato rintracciato poco dopo. Adesso il pregiudicato è in stato di fermo. Secondo le prime ricostruzioni, il raptus sarebbe scattato dopo una lite con l’ex moglie a casa della zia. Forse la lite riguardava proprio l’affidamento del figlio. Sarebbe stata la zia a chiedere l’intervento dei carabinieri, a causa della litigata, non immaginando però che il giovane potesse compiere un folle gesto. Quando i carabinieri sono arrivati a casa della zia, il 26enne era già uscito da casa portando via il bambino. Intorno alle 6.30 un agente della polizia penitenziaria ha notato il ragazzo con il bambino sul ponte Mazzini. Viste le difficili condizioni climatiche, si è avvicinato per chiedere se avessero bisogno di aiuto ma appena arrivato ha visto l’uomo gettare il bambino nel Tevere. Sono in corso le ricerche nel fiume che vedono impegnati anche i sommozzatori. La madre del bimbo, inutile dirlo, è in stato di choc. E anche il mondo del web. Su twitter sono in molti a commentare la tragedia. Tra i volti noti anche Emma Marrone e Fiorella Mannoia, che si chiedono come un uomo possa compiere un gesto simile nei confronti di un bimbo indifeso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.