Pasquetta choc a Bari: mareggiata travolge le tende di ragazzini

Se la sono vista brutta nove ragazzini di Bari, la notte prima di Pasquetta. I giovani infatti, come spesso si usa, avevano pensato di andare a festeggiare la Pasquetta portando con loro giusto le tende e il minimo indispensabile. La parola d’ordine si sa, di Pasquetta, è divertimento. Per il gusto di stare assieme quindi, i nove ragazzini sono andati a fare un campeggio, sebbene decisamente fuori periodo, nel Canalone di Bari, nei pressi del rione San Girolamo. Ma quella che doveva essere una giornata all’insegna dell’amicizia e del divertimento avrebbe potuto trasformarsi in tragedia a causa delle condizioni climatiche che hanno colpito la Puglia intera nella giornata di ieri. E così mentre i ragazzini erano nelle tende il mare si ingrossava e i giovani si sono trovati in balia delle onde, dopo che il mare ha inghiottito le loro tende. È stata la polizia a salvarli. Ecco le ultime notizie.Nemmeno il tempo di accorgersene e il mare aveva travolto le loro tende: i ragazzini tra i 15 e i 17 anni che avevano deciso di improvvisare un campeggio nel Canalone di Bari si son trovati a fare i conti con una mareggiata indescrivibile. Ma per fortuna loro sono stati salvati dalla polizia, che è intervenuta quando i giovani erano in mare. I nove minorenni e quattro dei tre poliziotti intervenuti sono finiti in ospedale per un principio di assideramento: gli agenti guariranno in sette giorni. La tragedia è stata sfiorata quindi nel cuore ella notte: a dare l’allarme alla polizia sono stati alcuni passanti. Sul posto sono accorse
una pattuglia delle Volanti e una dell’ufficio di Gabinetto. I poliziotti, appena hanno capito che la situazione era molto grave, si sono tuffati in mare per recuperare i ragazzini in balia delle onde. Insomma, una Pasquetta indimenticabile che farà guardare più attentamente le condizioni meteo d’ora in avanti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.