Napoli: ucciso il cugino di Masiello nei quartieri spagnoli

Tragedia a Napoli, dove nei quartieri spagnoli c’è stato un omicidio in cui ha perso la vita un giovane di soli 22 anni. Secondo le ultime notizie il killer avrebbe sparato alcuni colpi di pistola mentre si trovava a bordo di uno scooter. La vittima è un 22enne, il cugino di un calciatore del Torino, Salvatore Masiello. Il fatto scioccante è avvenuto in vico Lungo Teatro Nuovo. Non c’è stato molto da fare per la vittima: Vincenzo Masiello, questo il suo nome,  raggiunto da alcuni colpi alla testa è stato portato d’urgenza all’ ospedale Vecchio Pellegrini, ma le sue condizioni sembravano già troppo gravi. Il giovane 22enne è morto infatti poco dopo l’arrivo all’ospedale. Lo scooter su cui viaggiava l’uomo che ha sparato, secondo le ultime notizie, era un T-Max. Vediamo insieme le ultime notizie sull’agguato che ha lasciato scioccati tutti coloro che in quei momenti si trovavano in quella zona.

Il giovane, Vincenzo Masiello, è stato ucciso quando era ormai a pochi passi da casa: viveva in vico Monte Calvario, una delle strade principali dei quartieri spagnoli. Subito dopo l’agguato i familiari si sono precipitati in ospedale, dove Vincenzo Masiello è stato portato in ambulanza. Ma non c’è stato molto da fare ed è morto poco dopo. In ospedale, tra l’altro, ci sono stati momenti di tensione in quanto i familiari del giovane 22enne hanno preteso di vedere subito la salma del proprio caro. Gli agenti della squadra mobile di Napoli stanno svolgendo indagini per chiarire il movente di questa spietata esecuzione.
Secondo quanto si apprende la vittima, Vincenzo Masiello, era già noto alle forze dell’ordine. Con quest’ultimo omicidio in cui ha perso la vita il cugino del difensore del Torino, sale a 44 il numero degli omicidi commessi dall’inizio del 2012. 23 di queste esecuzioni sono state commesse a Napoli, le altre 21 in provincia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.