Unioni civili, Serracchiani: Vogliamo un paese civile

Gli alleati del governo Letta potrebbero presto trovarsi con più di una gatta da pelare. A rischiare di mettere il bastone tra le ruote nel futuro dell’attuale esecutivo sono le proposte messe in campo dal neosegretario Matteo Renzi: riforma della legge Bossi-Fini, apertura alle unioni civili.
Dal Nuovo Centrodestra, infatti, è arrivato l’altolà di Angelino Alfano. Il ministro degli Interni e vicepremier ha messo in guardia il primo ministro Enrico Letta dall’accettare le proposte di Renzi, senza tenere conto delle posizioni del suo partito. Il rischio, in tal caso, sarebbe quello di mettere in bilico la stabilità dell’alleanza tra Partito Democratico e Nuovo Centrodestra.
Alfano, sulla Bossi-Fini, ha dichiarato: “Tra gli immigrati che si sono cuciti la bocca nel Cie di Roma, alcuni avevano già conti in sospeso con la Giustizia; e con la sicurezza degli italiani non si scherza“. Mentre sulla possibilità di lavorare alle unioni civili, ha frenato ribadendo che l’attenzione va prestata innanzitutto alle famiglie tradizionali: “Non ci si può pensare senza pensare prima alle famiglie” ha dichiarato il leader del Nuovo Centrodestra.
Dalla sponda Pd, però, la replica è arrivata per bocca di Debora Serracchiani, governatrice del Friuli Venezia Giulia e nuovo volto della segreteria del Partito Democratico targato Renzi: “Noi non vogliamo solo le unioni civili ma un Paese civile – ha dichiarato la Serracchiani -. Facciamo una trattativa con chi ci sta perché siamo un Paese che ha bisogno di risposte“. La governatrice del Friuli ha poi speso alcune parole per commentare le proposte per una riforma della legge elettorale: “Noi abbiamo fatto proposte chiare, ora sta agli altri dire se sono d’accordo o no. Noi siamo pronti alla trattativa fino in fondo“.
Nonostante la posizione ferma, la volontà ribadita dai renziani è quella di non puntare a una fine anticipata dell’esecutivo guidato da Letta: “Nessuno qui sta lavorando alla crisi di governo” ha concluso la Serracchiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.