Domenica Live, parla il supertestimone: a uccidere Roberta Ragusa fu il marito

A Domenica Live, Barbara D’urso intervista il supertestimone del caso di Roberta Ragusa. A uccidere la donna fu il marito. A Domenica Live – trasmissione di Canale 5 condotta da Barbara D’urso – il supertestimone ha parlato del caso e fatto tale affermazione. Ecco le sue parole: “Ho visto Antonio Logli, con un’altra persona, che cercava per terra, avevano in mano il telefono, penso facessero dei video. L’altra persona la conosco bene, ho chiamato subito i carabinieri. Quello che lo accompagnava è un uomo, fa le guide, lavora lì, non è un familiare – prosegue poi il supertestimone – Si vedeva che era preoccupato, aveva il volto bianco, gli occhi fuori dalla testa. Io non ho paura di niente, però quando vedo due persone accusate di omicidio ho paura”.  Loris Gozi, vicino di casa della famiglia e supertestimone nel caso di Roberta Ragusa, ha scelto i microfoni di Domenica Live per raccontare tutto ciò che sa sulla vicenda. Gozi ha affermato di aver visto  delle macchie di sangue circolari e grandi e per questo ha pensato che appartenessero ad animali e non ha dato peso alla cosa. Gozi si dice convinto che Roberta Ragusa non è scappata di casa e dice che a ucciderla fu il marito. Anche Procura e Carabinieri sono certi che andò così, ma il marito nega. Gozi voleva testimoniare subito, ma in molti lo hanno sconsigliato dicendogli che prima o poi Roberta Ragusa sarebbe tornata e lui avrebbe rischiato la querela. Infine, Gozi ha contestato anche il comportamento del marito dopo la presunta sparizione della moglie, affermando che se fosse capitata a lui una vicenda simile sarebbe andato in tv e avrebbe fatto di tutto per ritrovarla, cosa che Logli non ha fatto. Insomma, scoop di Domenica Live che intervista il vicino di casa della famiglia. Anche lui si dice sicuro che a uccidere Roberta Ragusa fu il marito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.