Fidel Castro morto? Non aprite l’email che vi arriva: è un virus

Fidel Castro morto? No, è un virus – Alcuni di voi hanno ricevuto una e-mail nella propria casella di posta in cui c’è la foto di Fidel Castro morto? State in guardia: oltre a trattarsi di una bufala, potrebbe infettare il vostro computer, dunque non la aprite. L’e-mail si presenta con la foto che abbiamo posizionato in alto al nostro articolo: sembrerebbe proveniente dal sito web cileno di notizie “24 Horas” e annuncia la morte dell’ex dittatore di Cuba. In realtà non è niente vero. Chi ha ricevuto l’e-mail ha potuto leggere, nel messaggio di posta elettronica, che Fidel Castro è morto nel pomeriggio a casa sua, per via di una malattia che lo ha portato via nel giro di pochissimo tempo. Il dittatore cubano, secondo l’e-mail, sarebbe morto a seguito di un attacco cardiaco.In realtà, oltre al fatto che la notizia è una bufala, rischia di farvi entrare in un covo di virus: all’utente incuriosito dalla morte di Castro infatti, viene chiesto di cliccare sull’immagine (che potete trovare in alto al nostro articolo) per vedere un video report esclusivo della notizia della morte di Fidel Castro. Riguardo alle condizioni di salute di Fidel Castro, sappiamo che ormai sono davvero precarie, ma, se davvero fosse morto, la notizia non arriverebbe per email, ma starebbe su ogni sito di informazione. Dunque come riconoscere le e-mail/truffa che ci mandano il pc in tilt? E’ davvero molto semplice: per prima cosa, evitate di aprire le e-mail di mittenti che non conoscete o che comunque non reputate sicuri. Seconda cosa, per quanto riguarda notizie del genere, è davvero impossibile che arrivino via email ai lettori: basta accendere la tv, consultare il televideo o fare un giro su google per essere aggiornati.

Sarebbe bene comunicare a tutti gli amici di non aprire l’e-mail sulla morte di Fidel Castro, condividendo la notizia su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.