Cosima Misseri in lacrime parla e racconta la sua verità: lei e Sabrina sono innocenti

E’ il suo giorno. E il giorno di Cosima Serrano, moglie di Michele Misseri. Da quasi un’ora la mamma di Sabrina parla in aula nella seduta per il processo d’appello per l’omicidio di Sarah Scazzi. Lo aveva detto il suo legale: Cosima avrebbe parlato, avrebbe raccontato la sua verità e infatti la donna lo sta facendo. Si è seduta in aula, con un foglio davanti e ha iniziato a parlare. Non sta leggendo Cosima, sta raccontando la sua versione dei fatti. Ha iniziato con una premessa parlano della sua famiglia, dei rapporti con sua sorella e con la piccola Sarah. Ha raccontato di momenti felici e di momenti difficili ma ha fatto capire quanto fosse legata alla figlia di sua sorella Concetta. E poi si arriva a quel maledetto 26 agosto 2010, giorno che ha cambiato la vita di tutti i membri di questa famiglia. Non ha detto nulla che non sapessimo Cosima di quel giorno. Ha solo cercato di spiegare la sua versione dei fatti analizzando le parole dei testimoni, analizzando il racconto di tutte le persone che sono entrate in questa vicenda. “Il fioraio mi ha visto correre nel suo sogno, chiedete a mia sorella se nella sua vita mi ha mai visto correre” commenta così Cosima la testimonianza di quello che a oggi è il testimone più importante nella sua vicenda. Michele Misseri è presente in aula, guarda spesso verso sua figlia e verso sua moglie prima che il dibattimento inizi ma le due donne sembrano non avere nessuna intenzione di scambiare con lui sguardi o parole.

IN DIRETTA LE PAROLE DI COSIMA DAL PROCESSO DI TARANTO

Sono le 11,30: Cosima sta ancora parlando. Racconta le abitudini del suo lavoro, parla di quella porta che conduce alla cantina. In modo lucido affronta tutto ma si commuove quando parla di alcune cose. Piange ricordando Sarah e anche suo nipote Claudio ribadendo che lei non ha mai parlato male del marito di sua sorella. “Ci accusano, dicono che abbiamo ucciso Sarah per la gente ma è possibile? Mia figlia si appartava con Ivano. E quindi che cosa c’è di male. Io ero più tranquilla se mi dicevano di averla vista mentre si appartava. Sono cose normali. Il ragazzo non era fidanzato e lei neppure” queste le parole di Cosima che cerca di parlare quindi del movente che avrebbe spinto Sabrina a uccidere Sarah.

Cosima racconta in modo minuzioso tutto quello che è successo il 26 agosto ma anche quello che è successo nelle settimane successive fino a quando il corpo di Sarah, su indicazione di Michele non è stato ritrovato. Ci sono diverse pause nel suo discorso ma Cosima con grande lucidità aggiunge al racconto dei dettagli che sembrano essere studiati nei minimi particolari. Chi si aspettava che la donna potesse cambiare versione per alleggerire la responsabilità di sua figlia si sbagliava.

Sono le 12,15: Cosima ha appena finito di parlare. Un fiume in piena ma alla fine le parole sono chiare. Dopo il lungo discorso: “Io e Sabrina non abbiamo fatto nulla, eravamo a casa, non sappiamo cosa sia successo“.

2 responses to “Cosima Misseri in lacrime parla e racconta la sua verità: lei e Sabrina sono innocenti

  1. la sig Concetta ha detto di aver preferito inserire la figlia in un ambiente famigliare che piuttosto lasciarla a sconosciuti..che poi è stato peggio o poteva essere uguale..quindi non ha visto bene non è stata molto attenta. Era meglio trasferirsi in principio altrove. Ha detto essendo di una religione propria di perdonare nel caso di una verità. mah-non ci sono parole.
    cosa sia successo l’ ho immagino, solo che quelli che fanno come lei, specialmente al sud, non sono da soli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.