Roma, guadagnavano sugli immigrati e scatta il blitz: 44 arresti, 21 indagati

Luca Gramazio

All’alba di questa mattina è scattata l’operazione Mondo di Mezzo, secondo capitolo dell’inchiesta Mafia Capitale che ha causato l’arresto di 44 persone, tra cui Luca Gramazio, ex capogruppo Forza Italia al Consiglio Regionale del Lazio; 21 invece gli indagati. Le indagini hanno puntato il dito contro un ramificato sistema corruttivo finalizzato a favorire un cartello d’imprese, non solo riconducibili al sodalizio, interessato alla gestione dei centri di accoglienza e ai consistenti finanziamenti pubblici connessi ai flussi migratori.

E così in manette sono finiti in più di quaranta, tra Sicilia, Lazio e Abruzzo con l’accusa di associazione per delinquere ed altri reati. Tra tutti, spicca l’arresto di Luca Gramazio accusato di partecipazione all’associazione mafiosa capeggiata da Massimo Carminati. Da tempo i Carabinieri erano sulle tracce di questa grande organizzazione che sfruttava gli immigrati e i centri di accoglienza per un giro di soldi impensabile. E all’alba di questa mattina è scattato il blitz dei Carabinieri nelle province di Roma, Rieti, Frosinone, L’Aquila, Catania ed Enna.

Tra gli arrestati di rilievo, oltre al già citato Luca Gramazio, c’è anche Angelo Scozzafava, ex assessore comunale alle Politiche Sociali. La figura centrale in questa lunga inchiesta rimane però quella di Salvatore Buzzi, già coinvolto nello scandalo di Mafia Capitale e ritenuto tra i principali punti di riferimento nell’organizzazione mirata al business sui flussi migratori e i campi di accoglienza.

ROMA, CASO MAFIA CAPITALE: ALTRI DUE ARRESTI PER ‘NDRANGHETA

Accoglienza dei profughi e dei rifugiati, raccolta differenziata e smaltimento dei rifiuti oltre che manutenzione del verde pubblico: soprattutto in questo ambito si muoveva Buzzi grazie all’aiuto dei suoi uomini che operavano su tutto il territorio. Un’altra importante operazione quindi, portata avanti dai Carabinieri che da tempo stavano osservando i movimenti delle persone arrestate con svariate accuse tra cui reati di associazione di tipo mafioso, corruzione, turbativa d’asta, false fatturazioni, trasferimento fraudolento di valori ed altro.

One response to “Roma, guadagnavano sugli immigrati e scatta il blitz: 44 arresti, 21 indagati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.