Processo Gloria Rosboch ultime notizie: non c’è l’ergastolo per Gabriele Defilippi


Arriva la sentenza di primo grado per l’omicidio di Gloria Rosboch e non ci sono sorprese rispetto a quelle che erano le aspettative: Gabriele Defilippi, il giovane di cui la professoressa si era invaghita e di cui si fidava al punto da affidargli oltre 100 mila euro con la speranza di un futuro insieme, è stato condannato a 30 anni. Il giovano, dopo il suo arresto, aveva attribuito la colpa dell’omicidio materiale della Rosboch al suo amante, Roberto Obert ma poi aveva cambiato versione confessando di essere lui l’assassino della professoressa. Proprio per questo le pene nei confronti dei due imputati sono diverse: Gabriele è stato infatti condannato all’ergastolo mentre per Obert la pena sarà di 19 anni.  La famiglia di Gloria si aspettava forse una condanna diversa ma la giurisprudenza recente ci ha insegnato che queste sono le pene per gli assassini, almeno in primo grado. E’ comprensibile che i due genitori non abbiano accettato di buon grado la sentenza. Hanno perso una figlia, hanno saputo che l’assassino era un ragazzo di cui loro si fidavano, che avevano accolto in casa, con il quale avevano anche condiviso lo stesso tavolo per una cena in famiglia. La loro amarezza è tanta. 

CASO GLORIA ROSBOCH ULTIME NOTIZIE DOPO LA SENTENZA DEL 22 SETTEMBRE 2017: I GENITORI DI GLORIA VOLEVANO L’ERGASTOLO


È la sentenza di condanna emessa questa mattina venerdì 22 settembre a Ivrea.il pM, Giuseppe Ferrando aveva chiesto l’ergastolo per Gabriele e 20 anni per Roberto Obert .Il papà di Gloria Rosboch ha commentato la sentenza con amarezza: «Questa non è giustizia, dovevano dargli l’ergastolo. Me l’ha uccisa con crudeltà, strangolandola». E, quando all’uscita ha incrociato la madre di Defilippi, le ha urlato: «E’ colpevole anche lei come Gabriele».  

Comprensibile l’amarezza, la rabbia e la disperazione di questi due genitori che hanno perso una figlia che amavano e che sono rimasti da soli nella disperazione e nel dolore con la consapevolezza che Gloria ha sofferto prima di lasciare questa terra. Soddisfatti invece i legali di Defilippi: “Il nostro assistito potrà costruirsi una vita dopo la riabilitazione in carcere e la rieducazione” parole che sicuramente fanno male a due genitori che invece non avranno più al loro fianco una figlia che era per loro un vero punto di appoggio. 

Ha patteggiato invece la sua pena la madre di Gabriele che dovrà scontare 1 anno e 11 mesi di detenzione. Intervistata dai giornalisti de Lastampa.it ha commentato così il suo rapporto con Gabriele:  “Lo vedo tutte le settimane, il carcere gli sta permettendo di ricostruirsi un’anima, viene aiutato da tante persone dietro le sbarre, ci sono le guardie, c’è il personale infermieristico, ci sono gli esperti e i volontari. Spesso ci dimentichiamo di quanto siano importanti”. 

Ricordiamo che la sentenza di condanna è stata emessa la mattina venerdì 22 settembre a Ivrea. Il pM, Giuseppe Ferrando aveva chiesto l’ergastolo per Gabriele e 20 anni per Roberto Obert .


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close