Asti, 21enne si tuffa in piscina e muore annegato: non sapeva nuotare

asti, 21enne annega in piscina

Ad Asti si è registrata una tragedia: un ragazzo di 21 anni si è tuffato in piscina ed è morto annegato. Stando alle ultime notizie, il giovane non sapeva nuotare. Un’amica di 19 anni ha cercato di metterlo in salvo e ora è ricoverata in ospedale in gravi condizioni. Una giornata estiva che si è trasformata in tragedia in una villa di Castelnuovo Don Bosco, nel pomeriggio di ieri, martedì 21 agosto. Pare che il 21enne credesse che il livello dell’acqua fosse basso e che, dunque, potesse toccare. I carabinieri, che sono intervenuti sul posto, stanno indagando su quanto accaduto. Ascoltando le testimonianze dei presenti, sono riusciti a fare una prima ricostruzione di questa tragedia.

ASTI, 21ENNE MUORE ANNEGATO IN PISCINA SOTTO GLI OCCHI DEGLI AMICI ULTIME NOTIZIE: UN’AMICA TENTA DI SALVARLO

Morto a 21 anni Marco Lipari ad Asti, tuffandosi in piscina. Il giovane purtroppo ha perso la vita annegando tra le acque, poiché non sapeva nuotare. Il tutto è avvenuto nel pomeriggio di ieri, in una villa di Castelnuovo Don Bosco. Un’amica 19enne ha tentato di salvarlo, ma il tutto è stato inutile. Ora la ragazza è ricoverata in ospedale in gravi condizioni. La vittima, residente a Chieri nel torinese, non sapeva nuotare ma avrebbe deciso di tuffarsi lo stesso in acqua, credendo che il livello fosse basso. Invece, Marco non è riuscito a toccare il fondo e così è morto annegato davanti agli occhi dei suoi amici. La giovane di Cambiano che ha tentato di salvarlo ora è in prognosi riservata. La ragazza ha cercato di aiutare l’amico in tutti i modi, ma non ci è riuscita. Addirittura è stata anche lei trascinata sotto’acqua, perdendo i sensi. Dopo molti minuti, i soccorritori del 118 sono riusciti fortunatamente a rianimarla e a trasportarla subito in ospedale. Sul posto sono anche intervenuti i carabinieri di Castelnuovo Don Bosco, che ieri hanno ascoltato i ragazzi che hanno assistito all’incidente. Attraverso queste testimonianze è stato possibile elaborare una prima ricostruzione della tragedia. Sappiamo che i giovani, figli e amici dei figli dei custodi della villa di cui è proprietario un medico torinese, avevano avuto il permesso di trascorrere il pomeriggio di ieri in piscina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.