Nuovi dettagli sulla storia di Regina: costretta a prostituirsi, le dicevano che era vittima di un maleficio


E’ una storia brutta, difficile, dura e crudele quella di Regina, una storia che vi abbiamo raccontato già qualche mese fa, una di quelle storie che sembra essere uscita da una serie tv ma che invece è purtroppo, la terribile verità. Regina era una ragazza piena di vita, con tanta energia e solarità, con una vita tutta da vivere. Ma purtroppo la morte di sua madre l’ha spinta a fidarsi delle persone sbagliate, di chi le prometteva amore ma le ha dato solo cattiveria. Regina si è fidata di una amica, di una ragazza che riteneva essere come una sorella. Ed è caduta in una trappola dalla quale solo le forze dell’ordine, prima che fosse troppo tardi, l’hanno tirata fuori. Regina è stata costretta a prostituirsi, a ingozzarsi di cibo, a diventare un’altra persona. Oggi sul Corriere della sera emergono altri inquietanti particolari su questa vicenda. A parlare stavolta è Regina che avrebbe rivelato:  “Mi hanno detto che ero vittima di un maleficio“. Roberta e la madre la costringono a vendere una cucina comprata dalla madre e le fanno consegnare a loro i soldi “per farmi levare questo malocchio”.

LA STORIA DI REGINA COSTRETTA A PROSTITUIRSI E RIDOTTA IN SCHIAVITU’ DALL’AMICA, QUESTA VOLTA E’ LEI A RACCONTARE COSA LE E’ ACCADUTO

Regina, che viveva ad Albano Laziale, per un periodo è stata anche costretta a lasciare la sua casa. E’ stata mandata a Bologna, per volere delle persone che dovevano “prendersi cura di lei”. E da lì ha iniziato a prostituirsi. La sua vita è cambiata profondamente: botte, sevizie, insulti. 


“Roberta mi dice che, oltre a portare il denaro, c’è un’altra prova per superare il male, mangiare elevate quantità di cibo. A colazione ciambelle. A pranzo: cotolette, supplì, fritti. A cena, fino a dieci panini e pasta”. Se Regina non mangiava veniva picchiata e ustionata. “A giugno subisco la cancellazione della mia identità. Mi fanno mangiare i panini che vomito. Mi rasano i capelli, le sopracciglia. Il ragazzo di Roberta mi passa il ferro da stiro sui glutei. Mi dicono che devo subire le torture, che il male ha deciso così”.

La storia di Regina ha un lieto fine, almeno per quello che riguarda il suo stato di salute fisico, perchè per quello mentale ci vorrà davvero molto tempo per recuperare. Grazie a un cliente che si rende conto di quello che sta succedendo a Regina, le forze dell’ordine riescono a liberare la ragazza e mettono fine alla sua schiavitù. 


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close