Ricoverata Lucia Annunziata per problemi respiratori e febbre, si attende l’esito del tampone

E’ ricoverata da ieri sera allo Spallanzani di Roma Lucia Annunziata per sospetto Coronavirus. La notizia riportata dall’Ansa riferisce che la giornalista e conduttrice tv è stata ricoverata ieri sera dopo l’insorgere di difficoltà respiratorie e febbre. E’ stata condotta all’ospedale di Roma per sospetto coronavirus; potrebbe infatti trattarsi di una semplice influenza in forma forte ma è ovvio che in questo periodo il primo pensiero va al contagio che tutti temiamo. Lucia Annunziata è stata sottoposta a tampone e si attende l’esito nella speranza che innanzitutto risulti negativo ma di certo il ricovero non sembra possa essere un buon segno, anche se potrebbe trattarsi di una misura precauzionale.

LUCIA ANNUNZIATA IN OSPEDALE PER SOSPETTO CORONAVIRUS

Ormai i sintomi li conosciamo tutti, il coronavirus causa febbre, tosse ma in questo caso per la giornalista campana sembra possano esserci reali difficoltà respiratore e non semplice tosse. Niente è ancora chiaro al momento, la causa della malattia di Annunziata potrà rivelarla solo il tampone.

In questi giorni di emergenza sanitaria Lucia Annunziata ha proseguito il suo lavoro pur con tutte le precauzioni necessarie, ricordiamo anche le sue critiche nei giorni scorsi nei confronti del presidente Giuseppe Conte e del Governo sulla gestione dell’emergenza. Ci auguriamo che il risultato sia negativo ma nel frattempo non resta che attendere notizie dall’ospedale Spallanzani di Roma, al momento si tratterebbe di un ricovero per soli accertamenti. 

69 anni per la giornalista originaria di Sarno, in provincia di Salerno. Dal 1996 al 1998 è stata anche direttrice di Rai 3 e ha sempre lavorato per la rete che l’ha resa nota al pubblico. Ancora di più la sua conduzione di Mezz’ora in più e le sue intervisti ai personaggi pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.