A Cittadella 91 persone in quarantena dopo un matrimonio: padre della sposa positivo

Qualcuno oggi lo descrive come un “matrimonio con coronavirus” dopo le notizie che sono arrivate dalla provincia di Padova. Non è la prima volta che succede ma a quanto pare, gli sposi continuano a voler festeggiare senza rimandare il giorno che tanto hanno sognato. E in alcuni casi, le conseguenze non sono molto piacevoli, soprattutto per gli inviati. Ben 91 le persone che dovranno stare in quarantena dopo aver partecipato a un matrimonio a Cittadella. Poche ore dopo le nozze infatti, il padre della sposa, secondo quanto riferiscono i media veneti, avrebbe accusato un malessere e, una volta fatti i test, sarebbe risultato positivo al coronavirus. Subito sono scattate le misure di restrizioni per tutti i presenti anche perchè, chiaramente, non è detto che il padre della sposa sia colui che ha contagiato ma potrebbe esser stato contagiato a sua volta da qualche asintomatico.

DOPO IL MATRIMONIO SCATTA LA QUARANTENA PER OLTRE 90 PERSONE

Il matrimonio, secondo quanto riferisce il Gazzettino, sarebbe stato celebrato il 27 giugno. La notizia trapela però in queste ore, dopo che sono stati rintracciati anche tutti gli invitati che, come spesso accade per i matrimoni, non arrivavano solo dal Veneto, pare ci fossero persino invitati dalla Francia e forse anche dal Congo. Secondo sempre quello che riferisce il Gazzettino, anche un amico ( o forse una amica ) della sposa, rintracciato in poco tempo, sarebbe risultato positivo al coronavirus.

Insomma per gli invitati alle nozze non deve esser stato piacevole ricevere la notizia della quarantena. I matrimoni non si possono fermare, al momento, e continuano a essere celebrati, con le precauzioni del caso. Ma agli invitati fa piacere dover poi passare 15 giorni in quarantena, soprattutto se non si hanno sintomi? Non c’è il rischio che sempre più persone vadano magari in giro, come succedeva prima, essendo asintomatici?

Non è la prima volta che succede in Italia, si era già verificato dopo un matrimonio a Bologna, con molti invitati arrivati anche dal Veneto. In quel caso però il numero di ospiti era molto inferiore, circa una trentina di persone. In India invece, dopo un matrimonio, sono stati 111 i contagiati, e lo sposo, sarebbe morto pochi giorni dopo a causa del covid19 anche se non è stato possibile fare gli esami del caso per confermarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.