Mascherina al chiuso, stop da aprile? Le ipotesi

Mascherina al chiuso, stop da aprile: le dichiarazioni dell'esperto Crisanti

Da aprile potremo finalmente liberarci della mascherina? Tutto fa pensare al meglio, visto che i contagi da Covid continuano a calare e, complice l’arrivo della primavera, le previsioni si fanno più rosee. Intanto, da venerdì 11 febbraio cesserà l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto. Il Governo aveva imposto questa regola prima del Natale, allungando l’obbligo di mascherina all’aperto anche per tutto il mese di gennaio. Da venerdì 11 febbraio 2022 però si cambia: la situazione legata ai contagi è sotto controllo e non è più necessario continuare a indossare la mascherina all’aperto, tranne nel caso in cui si registrino assembramenti. Ma dal 31 marzo potrebbe cessare l’obbligo di indossare la mascherina al chiuso, secondo Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all’Università di Padova. Ecco che cosa ha detto l’esperto.

Mascherina al chiuso, via l’obbligo da aprile?

Intervistato durante la trasmissione radiofonica “Un Giorno da Pecora” su Rai Radio1, Andrea Crisanti si è detto molto fiducioso: a meno di nuove e pericolose varianti, stando così la situazione, con la fine del mese di marzo la mascherina potrebbe essere non più obbligatoria anche nei luoghi al chiuso: “Ora in Italia abbiamo un altissimo numero di persone protette e quindi se dovessimo fare una previsione a medio e breve termine penso di poter dire che siamo verso la fine, se non emergono nuove varianti più aggressive penso ne siamo fuori“. Al momento, secondo l’esperto, è troppo presto per togliere l’obbligo di mascherine al chiuso perché i numeri dei contagi non sono altissimi ma nemmeno da sottovalutare: la mascherina al chiuso insomma può essere ancora utile per traghettare verso la primavera ed essere quindi più sereni.

Secondo l’esperto, il modo più efficace per uscire definitivamente da questa pandemia è quello sviluppare dei farmaci efficaci e sicuri e dei vaccini che durino di più. Ma il professore si è detto fiducioso, convinto che il periodo difficile legato alla gestione della pandemia sia finalmente alle spalle, a distanza di due anni ormai.

I mesi di febbraio e marzo potrebbero essere decisivi in quest’ottica per tornare alla vita di prima, pur con le dovute precauzioni. Per il momento la situazione legata ai contagi da Covid è decisamente sotto controllo: i numeri continuano a scendere, buona parte della popolazione è già stata vaccinata con la terza dose e i pericoli sono in netto calo. Continuando così, e visto anche la concomitante fine dell’inverno, è lecito sperare che dal mese di aprile si possa tornare a frequentare anche i luoghi al chiuso senza mascherina, eccetto nelle situazioni di affollamento che meriterebbero, comunque, sempre una diversa gestione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.