La piccola Nicole era da sola in casa, la mamma si era allontanata: è uscita da sola o qualcuno l’ha presa?

nicole molise

Vorrebbero tutti conoscere i dettagli di quello che è successo la sera in cui la piccola Nicole si sarebbe allontanata dalla sua casa di Limosana per essere poi ritrovata il giorno dopo in un bosco da chi la stava cercando. Questa storia però, almeno per ora, sembra avere dei tratti parecchio misteriosi. Cambia infatti la versione della mamma della bambina. La donna, in un primo momento, aveva detto di essersi distratta per qualche minuto, mentre stava allattando il bambino più piccolo. Pochi minuti fatali, durante i quali la bambina, si era allontanata dalla mamma per andare in camera sua, aveva preso una sedia, scavalcato la finestra e incamminata verso il bosco. Una tesi che è sembrata sin dal primo momento strana: nessuno ha sentito un rumore, la bambina ha aperto finestra e persiane senza difficoltà? E’ scesa poi dall’altra parte della finestra senza cadere o farsi del male? E come ha fatto a camminare per tanti metri nel buio da sola, senza aver paura? A quanto pare, potrebbe esser successo ma forse perchè la bambina, cercava sua madre; la donna infatti ieri, ha confessato di essersi allontanata da casa per qualche minuto.

La mamma di Nicole ha raccontato di essersi allontanata da casa per qualche minuto: al momento su di lei pendono le accuse di omessa custodia e abbandono di minore. E’ chiaro che anche la piccola avrà dato la sua versione dei fatti, stiamo parlando di una bambina di 5 anni in grado di raccontare quanto successo e che le forze dell’ordine stiano procedendo in questa indagine per mettere tutti i tasselli nel posto giusto.

Resta però anche un’altra domanda: Nicole è davvero uscita da sola o qualcuno l’ha aiutata?

Il giallo della piccola Nicole in Molise: che cosa è successo davvero?

Il nonno di Nicole, uno dei pochi a parlare con i giornalisti in queste ore, ha lasciato intendere che se c’è qualcosa da cercare, si deve cercare nei problemi familiari di suo genero e non nella vita di sua figlia. Eppure, secondo alcune indiscrezioni, si indaga su un “parente” che potrebbe aver agito per “punire” la madre della bimba di 5 anni,  ma non è noto quale potrebbe essere il movente. Sotto la lente di ingrandimento anche i messaggi scambiati durante le ricerche da alcuni parenti della bimba: alcuni di questi sms sarebbero stati cancellati dalle chat di WhatsApp. Sono stati poi gli investigatori a recuperarli per gli accertamenti. Nelle prossime ore ci potrebbero essere nuovi sviluppi e un finale inatteso per questa vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.