Incidente mortale per Riccardo Faggin. Tornava a casa per la festa di laurea ma non si era laureato

Ha sbattuto contro un platano Riccardo ed è morto. Aveva detto che sarebbe tornato a casa dopo la seduta di laurea ma non era vero
incidente padova riccardo

Sono distrutti i genitori di Riccardo Faggin e ancora non riescono a capire che cosa sia accaduto. Il 29 novembre per tutta la famiglia doveva essere un giorno di festa. Riccardo infatti era uscito di casa per raggiungere la sua università dove avrebbe dovuto discutere la tesi. Intanto a casa, tutti stavano preparando la festa, i suoi genitori avevano messo anche dei fiocchi rossi davanti la porta per accogliere Riccardo al suo ritorno, in attesa poi di festeggiare questo traguardo. Purtroppo però Riccardo a casa non c’è mai tornato. I suoi genitori sono stati invece chiamati dai Carabinieri con una tragica notizia. Riccardo Faggin è morto ieri in un incidente stradale. Era a bordo della sua macchina, è andato a sbattere contro un platano. Sembra sia morto sul colpo. Viaggiava sulla via Romana Aponense ( siamo a Padova), che lo avrebbe portato a casa. Quando i soccorsi sono arrivati, per Riccardo, non c’era nulla da fare.

 

Gli inquirenti stanno ora passando al vaglio tutti gli elementi utili per poter ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente mortale e nel contempo le ultime ore di vita del ventiseienne.

Dall’università fanno sapere che non era prevista nessuna sessione di laurea

 La famiglia e gli amici di Riccardo erano entusiasti e pronti a festeggiarlo, in occasione della sua laurea in Scienze Infermieristiche, di cui avrebbe dovuto discutere la tesi proprio la mattina di quel fatidico 29 novembre. Erano tutti lì, a casa di Riccardo, pronto a festeggiare. Ma Riccardo non era andato in facoltà per discutere la sua tesi.

Dopo la notizia della morte del giovane tuttavia, è emerso da fonti ufficiali dell’Università come presso la sua facoltà non fosse in programma nessuna discussione di tesi, e che anzi Riccardo non era affatto in procinto di laurearsi. «Stiamo cercando di capire anche noi che cosa sia accaduto  ha dichiarato il padre, Stefano Faggin, con gli occhi ancora gonfi di lacrime – è un momento incredibilmente difficile e confuso, abbiate pazienza vi prego, non abbiamo nemmeno la forza di parlare».

Spetterà adesso agli inquirenti capire se sia stata solo una fatalità, o se Riccardo, in un giorno in cui da lui ci si aspettava qualcosa che non è accaduto, abbia deciso di compiere un gesto estremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.