Vaticano: le vittime dei preti pedofili citeranno la Santa Sede

Dopo l’enorme scalpore suscitato in Belgio circa la questione dei preti pedofili, pare che ad oggi il numero delle vittime sia salito ad un numero che va ben oltre le 500 persone, di cui molti annunciano gli esperti, sono già deceduti. Secondo le indiscrezioni, le vittime si sono organizzate in una vera e propria azione legale dai margini “colossali” in quanto, la citazione in giudizio condurrà in tribunale non solo i principali responsabili e gli esponenti ecclesiastici del paese, ma anche il Vaticano.

La decisione è stata presa in comune accordo tra gli avvocati delle vittime che procederanno alla denuncia e spiega uno degli avvocati, Walter Van Steenbrugge “Il Papa svolge una funzione essenziale nella nomina dei vescovi, avendo autorità sul loro comportamento, e questo lo rende responsabile dei loro errori”.

L’evento si dimostra un’avvenimento epocale, in quanto sarebbe il primo caso in Europa in cui il Vaticano diventa parte responsabile dei comportamenti dei suoi affiliati. Questo forse potrebbe aprire la strada ad altri casi, considerato che la questione dei “preti pedofili” coinvolge molti paesi europei, Italia compresa.

Ad ogni modo che l’idea possa essere discutibile o meno, certo è che forse quest’azione legale potrebbe contribuire ad costringere la Chiesa ad adottare maggiori provvedimenti e più controllo sui suoi “figli” che troppo spesso si trasformano in veri e propri “mostri”. D’ altro canto è bene ricordare che la Chiesa non è solo questo, ma è fatta anche di amore e carità, e forse proprio per questo avrebbe bisogno di preservare maggiormente la sua “indennità“.

Intanto gli avvocati delle vittime, attendono le date delle udienze che dovrebbero cominciare nel mese di settembre.

4 responses to “Vaticano: le vittime dei preti pedofili citeranno la Santa Sede

  1. Che ragionamento ottuso.

    Secondo questo Walter Van Steenbrugge quindi se abbiamo tra le mani un efferato pluriomicida bisogna processare e mandare in carcere la madre, perchè così lo ha educato?

    Se un professore durante l’orario scolastico anzichè lezione fa politica (e troppo spesso succede) mandiamo in carcere il ministro dell’Istruzione?

    Se qualcuno fa un incidente stradale perchè era ubriaco processiamo la ditta che ha costruito l’auto?

    La responsabilità è delle singole persone!! Se nei seminari i sacerdoti vengono educati secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica, e una volta su mille ne esce un mostro, che colpa ne ha la Chiesa?

    Certo, il Papa ha rigidamente reso più severe le norme, ma di lì ad essere accusato in prima persona ne passa di acqua sotto i ponti…

    …questi invasATEI farebbero di tutto per gettare fango sulla Chiesa.

    Bene aveva “profetizzato” il buon G.K.Chesterton: “Uomini che cominciano a combattere la Chiesa per amore della libertà e dell’umanità, finiscono per combattere anche la libertà e l’umanità pur di combattere la Chiesa”

  2. Ciao Alex,
    personalmente ti posso dire che approvo il tuo ragionamento, ma in parte io dico che forse è il caso che la Chiesa mobilitasse più controlli. Vedi ad esempio il prete di Genova, quello era anche sieropositivo e quando nel passato un suo superiore aveva capito dei suoi “modi di fare”, lo hanno solamente trasferito in un’altra diocesi.
    Perchè non mandarlo via? Perchè nn allontanarlo definitivamente dalla Chiesa? Lo si è trasferito come qualcosa di brutto che si vuole tenere lontani da sè e lo diamo agli altri, come dire “lontano dagli occhi, lontano dal cuore”. Purtroppo ora la Chiesa come organizzazione dovrebbe darsi una “svegliata” e cercare di fare il più possibile per evitare questi disastri, perchè poi alla fine perde di credibilità e va anche a scapito della sua “parte buona”. E poi tutti quei bambini….è da capire la rabbia delle persone! cIAUZZ 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.