Siria: continuano a manifestare per libertà

Nuovo venerdì di protesta in Siria, ormai  il 16/o consecutivo in cui la gente scende in piazza contro il regime attuale, cercando di far sentire la propria voce a chi, risiedendo nel Governo, ancora non ascolta le loro richieste.

Si parla di circa un milione di persone scese ieri in piazza e nelle strade, in varie città della Siria. e come sempre la risposta delle forze di sicurezza siriane non si è fatta attendere. Il bilancio delle manifestazioni sarebbe di circa 30 morti. Ad Homs, secondo Razan Zaitouna, noto avvocato e attivista, che ha rilasciato una dichiarazione all’agenzia Routers, si conterebbero ben sette vittime, le altre in giro per i paesi e piccoli villaggi, dove l’esercito è intervenuto con carri armati ed elicotteri.

Altre fonti dichiarano che nella capitale Damasco ci sarebbero stati tre morti durante la manifestazioni che chiedono la caduta del regime attuale e l’attuazione di leggi che assicurino più libertà ai cittadini.

Ancora una volta YouTube è il mezzo di diffusione utilizzato dai comitati che si oppongono al regime di Assad. Video amatoriali sono stati pubblicati e fatti girare in rete, mente vengono mostrati corpi di giovani uccisi con colpi di arma da fuoco.

Ancora una volta lo slogan è stato rivolto con fermezza contro Bashar al-Assad, in un’unica parola rivolta a lui e al suo regime “Vattene!”.

Il quotidiano britannico The Guardian, invece, ha diffuso un documento firmato da alcuni oppositori e dissidenti che intendono dialogare con l’attuale governo, per trovare una soluzione pacifica, attraverso il dialogo. Sempre secondo il quotidiano britannico, i dissidenti firmatari del documento sarebbero stati incoraggiati anche da funzionari del Dipartimento di Stato americano, nella ricerca di un dialogo costruttivo per l’attuazione reale delle riforme richieste e promesse anche da Assad in alcuni suoi interventi anche televisivi, mentre Washington nega di aver appoggiato il testo in questione.

Teresa Corrado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.