Video su YouTube mostra violenze su attivista siriano

YouTube torna ad essere la protagonista nella rivolta araba e in particolare di quella siriana. Da qualche ora gira sul sito un video che confermerebbe le torture subite dagli attivisti siriani in carcere, dopo il loro arresto.

È toccato a Ghiath Matar, giovane attivista di 26 anni, ad essere l’emblema delle torture e di quello che il governo siriano continua a negare. Il giovane è stato arrestato giovedì insieme ad un altro attivista, Yahya Shurbaji e il fratello Maan. Il suocorpo privo di vita, invece, è stato consegnato dopo tre giorni alla famiglia, tra la notte di sabato e domenica.

Secondo il rito musulmano, l’uomo è stato posto in una bara completamente nudo e avvolto in un lenzuolo, ma per mostrare le violenze subite i parenti hanno girato un video, scostando proprio quel lenzuolo bianco che dovrebbe coprire il corpo martoriato del giovane. Si vedono i segni di violenza subiti ed anche un taglio lungo che arriva fino all’inguine e che è stato ricucito con punti messi alla buona.

Ghiath Matar era un attivista pacifico, della non violenza e, secondo i comitati, il primo che ha proposto di affrontare le forze di sicurezza con i fiori in mano. Aveva solo 26 anni, si era appena sposato e aspettava la nascita della prima figlia. Sicuramente per lei voleva una Siria migliore, dove poter crescere in un paese più giusto e umano. Lottava per questo e adesso è il simbolo della violenza di una Siria che non ferma i suoi massacri.

Intanto le organizzazioni umanitarie e internazionali temono per la vita degli altri arrestati insieme a Ghiath Matar, mentre gli Stati Uniti condannano l’uccisione del pacifista siriano.

Teresa Corrado

One response to “Video su YouTube mostra violenze su attivista siriano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.