Uragano Sandy: ci sono 17 morti, le ultime notizie

Torniamo a parlare della tempesta che ha sconvolto l’America e gli Stati Uniti: ci sono delle buone notizie e delle notizie invece che sono drammatiche. Le notizie buone riguardano lo stato meteorologico attuale: Lower Manhattan, sommersa ieri da una marea di oltre 4 metri provocata dall’uragano Sandy, sta tornando alla normalità, con il livello dell’acqua che a poco a poco si sta abbassando nuovamente. Le notizie cattive sono tutte le altre: ci sono ben 17 morti, e l’uragano Sandy, anche se degradato a tempesta post-tropicale, rimane pericoloso per i 60 milioni di abitanti della costa est. Negli Stati Uniti ci sono 16 morti, e uno in Canada. La gente è rimasta senza corrente: si parla di 6 milioni di abitanti.  La metro di New York è allagata, i treni e gli aerei rimangono tutt’ora fermi. Per tornare alla normalità ci vorrà non meno di una settimana. Vediamo insieme le ultime notizie.Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che già aveva proclamato lo stato di emergenza, ha parlato di una vera e propria “Catastrofe”. Grazie allo stato di calamità si prevede lo stanziamento di fondi per far fronte ai danni alle abitazioni e alle attività economiche causati dagli allagamenti e dalla furia dei venti. Lo stato di calamita’ permette in particolare l’erogazione di fondi federali per individui colpiti dal disastro, compresi i prestiti per aiutare le famiglie a trovare alloggi alternativi e per far riparare le abitazioni. Tutto ciò, secondo gli Stati Uniti, costerà venti miliardi. Ci sono stati anche dei problemi, dovuti al passaggio dell’uragano, nella centrale nucleare del New Jersey, dove il reattore 1  è stato fermato: quattro delle sue sei pompe di raffreddamento hanno smesso di funzionare a causa dei danni provocati da ll’uragano che ha sconvolto l’America. Per quanto riguarda invece i decessi, si parla di 17 morti, molte delle quali dovute alla caduta di alberi: sono negli stati di New Jersey, New York, Maryland, North Carolina, West Virginia, Pennsylvania e Connecticut.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.