Lucas, il bimbo rapito in Francia, è stato ritrovato

Vi avevamo comunicato ieri la triste notizia di Lucas, un bimbo neonato, di appena due giorni, rubato in ospedale da una finta infermiera. Sono state oe di angoscia sia per la mamma del piccolo che per tutto il reparto maternità dell’ospedale di Nancy, nella Francia Orientale. Ricordiamo infatti che il piccolo era stato prelevato, senza che nessuno se ne rendesse conto, da una donna travestita da infermiera. La rapitrice si era diretta nella stanza della neomamma e, approfittando del sonno della donna, glielo aveva sottratto, portandolo via dall’ospedale. Adesso sappiamo che tutto è finito bene, perché il piccolo Lucas è stato ritrovato e la finta infermiera è stata arrestata nel suo appartamento di Vandroeuvre, nella periferia di Nancy. Da quello che si apprende si tratterebbe di una donna giovanissima, tra i 16 e i 20 anni, con probabili squilibri mentali. Alcune fonti riferiscono che la ragazza avrebbe telefonato a dei membri della sua famiglia annunciando di aver appena messo al mondo un bambino.La famiglia quindi, insospettita, avrebbe lanciato l’allarme. La polizia ha trovato il piccolo nell’abitazione della donna. L’ambulanza l’ha così ricondotto in ospedale. La mamma di Lucas è una giovane ragazza di 23 o 24 anni, può finalmente tirare un sospiro di sollievo, l’incubo è finito.

«C’erano due neo mamme in quel momento in camera. Alla prima, che era sveglia, la donna ha chiesto se poteva prendere il suo bebè per portalo nella stanza dei bambini, ma la madre ha detto di no. Allora la donna ha preso il bimbo dell’altra madre, che stava dormendo»,  si è detto. Per ritrovarlo è scattato l’allarme in tutto il Paese: Lucas, 3,7 kg di peso, portava un pigiamino blu, hanno ripetuto per tutto il giorno i messaggi di allerta passati in televisione, alla radio, sui monitor delle metropolitane e delle stazioni ferroviarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.