Nigeria, rapiti tre marinai italiani: il comandante è Emiliano Astarita

Sono stati rapiti tre marinai italiani in Nigeria. Tra loro c’è il comandante della nave. I tre sarebbero stati sequestrati ieri dai pirati, al largo dello stato petrolifero di Bayelsa, nella Nigeria meridionale. Una zona, quella, in cui i rapimenti di navi e di equipaggi sono davvero all’ordine del giorno. La notizia è stata diffusa dall‘International Maritime Bureau (Imb), ed è stata confermata dalla Farnesina. Non ci sono feriti, da quello che si apprende. Assieme ai tre militari italiani ci sarebbe anche un altro membro dell’equipaggio, un ucraino. Il comandante della nave si chiama Emiliano Astarita, ha 37 anni ed è originario di Piano di Sorrento (Napoli). Secondo le ultime notizie, l’assalto alla nave sarebbe stato ad opera di un commando formato da sette persone armate a bordo di un mezzo veloce. Ricordiamo che solo l’anno scorso un rimorchiatore italiano, con a bordo 11 uomini, di cui otto italiani, era stato rapito, e finì sotto il controllo delle milizie libiche che lo tennero in ostaggio per più di un mese, nelle acque del porto di Tripoli.

Secondo le ultime notizie, il ministero degli Esteri ha fatto sapere che “la priorità è l’incolumità dei tre ostaggi italiani precisando che l’Unità di Crisi segue con attenzione e fin dall’inizio la vicenda e che il ministro Giulio Terzi è tenuto costantemente informato”. Sulla vicenda, come sempre in questi casi, è stato attivato anche il console italiano a Lagos. Da quello che ha fatto sapere la marina nigeriana sarebbero immediatamente scattate le ricerche anche lì, utilizzando cinque navi della marina. Come dicevamo prima, i sequestri in quella zona sono quasi all’ordine del giorno: solo nel 2102 sono stati registrati 51 atti di pirateria al largo della Nigeria e nel golfo di Guinea.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.