Calciatore confessa: amante uccisa e data in pasto ai cani

Nel giorno della festa della donna dobbiamo purtroppo raccontarvi una storia davvero incredibile. Dopo più di due anni di detenzione il calciatore del Flamengo confessa: la sua amante è stata uccisa e poiè stata data in pasto ai cani. E’ questa la confessione choc di Bruno, un portiere seguitissimo dai tifosi e anche dalle squadre italiane, il Milan qualche anno fa era interessato a un suo possibile acquisto. Nel luglio del 2010 si perdono le tracce della ragazza ma i trimi sospettati c’è proprio il calciatore con il quale la donna aveva una relazione. Lui però non dice nulla, nega di avere a che fare con la scoparsa della donna. Dopo l’arresto e la reclusione arriva la confessione: Bruno sa chi ha ucciso Eliza, lui però non è il colpevole. Ammette solo che per far sparire il corpo ha pensato di darlo in pasto ai suoi cani.

Accusato dell’omicidio è stato un amico d’infanzia, Luiz Henrique Romão detto “Macarrão” che con l’aiuto di un ex poliziotto avrebbe condotto Eliza in un casolare per ucciderla. Alla base di questo omicidio ci sarebbe il movente passionale. Bruno e la donna infatti avevano avuto una relazione dalla quale era nato un bambino. L’uomo probabilmente non voleva sapere nulla di lei e del bambino ma Eliza aveva minacciato di rendere pubblica tutta la storia.

Il portiere rischia 41 anni di condana: potrebbe essere stato il mandante dell’omicidio e poi avere avuto a che fare con l’occultamento del cadavere fatto a pezzi e gettato in mezzo al cibo dei cani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.