La misteriosa morte di Prince: il ricovero per overdose, la perdita della sua compagna

Un altro mistero nel mondo della musica, un velo avvolge la scomparsa di Prince. La popstar morta ieri all’età di 57 anni. Una chiamata anonima alle forze dell’ordine, il ritrovamento di un corpo nell’ascensore della sua abitazione: ma cosa è successo davvero a Prince? Un mistero che inizia il 15 aprile quando il cantante viene ricoverato d’urgenza. E’ in volo, mancano pochi minuti per l’atterraggio ma il suo staff chiede di tornare a terra. La versione ufficiale è che Prince non si è sentito bene per un forte attacco di influenza ma oggi, i media americani, per la prima volta parlano di altro. Parlano di overdose, raccontano di come i suoi collaboratori siano intervenuti subito per le prime cure mentre erano ancora in volo, del ricovero di Prince nell’ospedale e della scelta poi di lasciarlo in quanto troppo piccolo per avere la privacy del caso. E a pochi giorni da quel ricovero la sua morte: nelle prossime ore gli esami autoptici daranno tutte le risposte che ci aspettiamo, che i fan del cantante si aspettano. Ma nel frattempo, come accade sempre in questi casi, il mistero continua.

LE PIU’ BELLE CANZONI DI PRINCE-GUARDA I VIDEO

E nel giallo legato alla morte di Prince anche un’altra storia, quella della sua compagna. Solo coincidenze oppure c’è dell’altro? Alla morte di Prince potrebbe legarsi la scomparsa di Vanity, sua ex compagna e leader delle Vanity6. Al secolo Denise Katrina Matthews, la cantante è morta a 57 anni, la stessa età di Prince, in un ospedale della California a causa di un’insufficienza renale. Da tempo combatteva con una grave e rara malattia, la peritonite sclerosante incapsulante, ma i suoi problemi di salute erano legati soprattutto dall’ abuso di crack. Il dolore per la perdita di Vanity potrebbe aver cambiato qualcosa nella vita di Prince? Solo chi ha vissuto questi ultimi mesi con lui potrà chiarire, se sarà il caso di farlo, quello che è successo davvero. Nel frattempo, a dirci come è morto, ci penserà la scienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.