Roland Garros, gli atleti italiani approdano agli ottavi

Il Roland Garros si tinge di azzurro e le speranze per un buon risultato da parte dei tennisti italiani si fanno sempre più esaltanti. Pare che la terra rossa parigina, quest’anno porti bene agli atleti italiani, beh, forse è la magia dall’anno passato, quando Francesca Schiavone ci ha regalato il titolo del torneo francese, tanto ambito, come quello italiano che quest’anno non è riuscita a regalarci e a regalarsi.

Agli ottavi di finale la Schiavone si qualifica battendo la tennista Peng Shuai che, al secondo set si ritira, causa attacco influenzale, che per così dire, non risparmia nessuno. Il punteggio era però già favorevole alla tennista azzurra che aveva vinto il primo set con un punteggio di 6-3 e si stava imponendo sul secondo per 2-1.

Una determinazione davvero da ammirare quella della Schiavone, detentrice del titolo e decisa a salire di nuovo sul più alto scalino del torneo, dopo aver dovuto abbandonare il sogno di vincere al BNL d’Italia.

Approda agli ottavi anche il tennista azzurro Fabio Fognini, che ha battuto lo spagnolo Guillermo Garcia Lopez, in una partita per nulla facile ed anche lunga. Il punteggio davvero incredibile, visto che l’atleta azzurro aveva perso il primo set per 6-4, poi, però, si è risvegliato e ha vinto i successivi set con ottimi punteggi: 6-3, 6-3, 6-1.

Ma buone prestazioni vengono anche dal doppio, infatti si sono qualificati anche le coppie: Sara Errani/Roberta Vinci e Daniele Bracciali/Potito Storace.

Buone le prestazioni anche degli altri atleti, passano il turno Federer battendo Tipsarevic 6-1, 6-4, 6-3, Ferrer che ha battuto 6-1, 6-1, 6-3 Stakhovsky.

Chi invece non passa il turno è la numero uno del tabellone mondiale femminile, la danese Carolina Wozniacki che è stata battuta per 6-1, 6-3 dalla slovacca Daniela Hantuchova. Ma esce anche la Stosur che era stata finalista, contro la Schiavone nel 2010 e che aveva battuto l’azzurra nel torneo BNL d’Italia a maggio.

Chissà che quest’anno il torneo parigino non si tinga ancora d’azzurro.

TC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.