E’ morta Luciana scomparsa da Roma a inizio aprile: il corpo ritrovato nel Tevere


La sorella di Luciana in lacrime, con il volto coperto dalla mascherina aveva lanciato diversi appelli a Chi l’ha visto. Sperava che nella Roma deserta di questi giorni qualcuno potesse vedere sua sorella Luciana, scomparsa nel nulla due settimane fa. E le segnalazioni erano state tante. Molti avevano raccontato di averla vista in giro per Roma, con il suo cappotto lungo verde nonostante il caldo degli ultimi giorni; in tanti avevano raccontato di quella ragazza con i capelli rossi che chiedeva aiuto per la sua macchina che non partiva. Una ragazza in giro senza mascherina si notava. Ma purtroppo le segnalazioni non hanno aiutato Luciana a tornare a casa. Pochi minuti fa sul sito di Chi l’ha visto è stata data la notizia: il cadavere della giovane insegnante di inglese è stato ritrovato nel Tevere.

RITROVATA SENZA VITA LUCIANA LA PROF DI INGLESE SCOMPARSA DA ROMA

Secondo quanto si legge sul sito del programma di Rai 3, intorno alle 14:30 è stato recuperato nel Tevere il corpo di Luciana Martinelli, la 27enne scomparsa a il 4 aprile. Era impigliato nei rami all’altezza di Ponte Vittorio, sul Lungotevere dei Fiorentini, circa tre chilometri più a valle di Lungotevere Flaminio, dove uno spettatore di “Chi l’ha visto?” aveva ritrovato l’auto della giovane insegnante di lingue. A pochi passi da quella macchina, a pochi passi dai giornalisti che erano andati in quel posto per cercarla. Purtroppo non c’è stato il tempo di salvarla.

Il cadavere era in avanzato stato di decomposizione, l’identificazione sarebbe avvenuta grazie all’abbigliamento e a un tatuaggio. Indagini sono in corso per accertare le cause della morte. Che cosa è successo a Luciana? Ha avuto un incidente? Qualcuno le ha fatto del male? E perchè si è allontanata da casa dopo una banale lite con sua sorella?

La sorella di Luciana non riusciva a credere che se ne fosse andata lasciando i suoi cani. Perchè lo ha fatto?

Leggi altri articoli di Persone Scomparse

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close