Mafia, blitz tra Palermo e New York: numerosi arresti tra cui un sindaco


mafia blitz palermo new york

Mafia, nel blitz tra Palermo e New York sono stati effettuati almeno 19 arresti ed è emerso un legame forte tra Cosa nostra palermitana e il clan Gambino, della criminalità organizzata statunitense. Il maxi-blitz è stato condotto dalla squadra mobile di Palermo, dal Servizio centrale operativo della polizia, nonché dall’Fbi di New York. Ha riguardato l’organizzazione mafiosa di Passo di Rigano, a Palermo. L’operazione è avvenuta a seguito dell’inchiesta condotta dalla Dda di Palermo. Intanto è emerso anche che gli Inzerillo, famiglia mafiosa che era stata sconfitta da Totò Riina nella guerra di mafia degli anni ’80, avevano ricostituito il loro clan nel quartiere palermitano.

MAFIA, BLITZ INTERNAZIONALE TRA PALERMO E NEW YORK

Nel corso delle indagini è stato accertato che gli Inzerillo, storica famiglia criminale contrapposta a Totò Riina, avevano creato una loro roccaforte nel quartiere di Passo di Rigano. La cellula criminale di Palermo era stata sconfitta da Riina nel corso degli anni ’80, quando ebbe luogo la seconda guerra di mafia. Dunque gli Inzerillo si erano rifugiati negli Stati Uniti per rientrare nel Belpaese solamente agli inizi degli anni 2000. Pian piano erano riusciti a rimettere in piedi la loro famiglia mafiosa.


BLITZ MAFIA, GLI ARRESTI E LE ACCUSE: ECCO COSA SUCCEDEVA NEL QUARTIERE DI PALERMO SOTTO IL CONTROLLO DEL CLAN CRIMINALE

Tra i 19 arresti effettuati nel corso del blitz, c’è il sindaco di Torretta, in provincia di Palermo, Salvatore Gambino. Ad essere arrestati sono anche Tommaso e Francesco Inzerillo, cugino e fratello di Totuccio Inzerillo, il boss che era stato ucciso dai Corleonesi. Le accuse che pendono sulle persone finite in manette sono associazione a delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione aggravata, concorrenza sleale aggravata dal metodo mafioso e trasferimento fraudolento di valori aggravato. Oltre agli arresti, sono stati sequestrati beni per un valore che supera i 3 milioni di euro, nei quali figurano quote societarie, beni immobili e mobili.

Le indagini hanno accertato il controllo della famiglia mafiosa sull’economia del quartiere di Palermo Passo di Rigano. Ogni persona di rilievo del clan svolgeva una mansione specifica, portando avanti un ramo degli affari. La mafia gestiva il racket delle estorsioni e qualsiasi attività economica della zona, dalle scommesse ai giochi, ma anche dall’ingrosso alla fornitura di alimenti. Dunque il blitz alla mafia, avvenuto su base internazionale, tra Palermo e New York, contribuisce a smantellare, almeno in parte, l’organizzazione criminale. Un duro colpo, che ha fatto emergere la rete criminale esistente.


Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close