Bimbo investito nel Bresciano è grave: individuata la 22enne che lo ha investito

bimbo investito nel bresciano

Il bimbo di due anni investito a Coccaglio, nel Bresciano versa ancora in condizioni molto gravi. Intanto è stata individuata la 22enne di Erbusco che lo ha investito. Le forze dell’ordine sono riuscite a risalire alla ragazza grazie alle telecamere di videosorveglianza della zona. Le accuse sulla giovane sono di lesioni stradali gravi e di omissione di soccorso. Attualmente si trova agli arresti domiciliari. La 22enne ha investito mamma e figlio, un bimbo di soli due anni, sulle strisce pedonali. Il bimbo si trovava sul passeggino ed è stato sbalzato fuori. Nel corso della notte è arrivata la svolta nelle indagini, grazie alla visione dei filmati.

Bimbo di due anni investito nel Bresciano: la dinamica del drammatico incidente

L’incidente è avvenuto nella mattinata di ieri, martedì 10 dicembre 2019. La mamma era uscita di casa con il bimbo piccolo nel passeggino, di soli due anni, per accompagnare a scuola l’altra figlia di quattro anni. La famiglia è arrivata a Coccaglio dall’India, e la donna faceva ogni mattina quella strada con i suoi piccoli. Mentre si trovavano su un attraversamento pedonale un’auto ha travolto il passeggino spostandolo di diversi metri. Il bimbo che si trovava al suo interno dunque è stato sbalzato fuori per poi ricadere sull’asfalto. Un impatto molto forte che ha portato gravi lesioni al piccolo. Ha riportato un trauma cranico molto forte e ora è in coma. Si trova all’ospedale di Brescia.

Una giovane 22enne è il pirata della strada: è agli arresti domiciliari

Oltre ad aver investito il bambino, il pirata della strada, fino a ieri sconosciuto, non si è fermato per prestare soccorso, scappando via. Nella serata di ieri è arrivata la svolta nelle indagini con i filmati delle telecamere e il rilevatore di targhe. Dunque è stata individuata l’auto e così anche la conducente del veicolo. Una 22enne è stata fermata per lesioni stradali gravi e omissione di soccorso. La giovane è stata individuata all’uscita dal lavoro. Nel corso della mattinata di oggi è prevista l’udienza di convalida dell’arresto. Nell’interrogatorio ha risposto alle domande del Magistrato facendo sapere di aver avuto paura, e di essere fuggita per quello.

Sta di fatto che un bimbo di soli due anni lotta tra la vita e la morte per quanto accaduto. Fin da subito è stato evidente che la giovane non potesse non essersi accorta dell’impatto. Il passeggino, e il bambino al suo interno, hanno fatto un volo di ben cinque metri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.