Marina Buttazzoni: ritrovato il cadavere a Portopiccolo, le ultime


marina buttazzoni scomparsa udine

Notizie Flash-Purtroppo l’epilogo è quello che nessuno avrebbe mai voluto raccontare nella storia di Marina, l’artigiana scomparsa da Udine. Esce di casa, saluta sua mamma e dice che sta per andare a Trieste e da quel giorno non dà sue notizie. Tanti gli appelli di suo fratello in tv per cercare Marina con la speranza che sia smarrita, che stia cercando il modo di tornare a casa. Purtroppo Marina Buttazzoni non c’è più: arriva la conferma oggi, è suo il cadavere ritrovato qualche ora fa a Portopiccolo.

MARINA BUTTAZZONI ULTIME NOTIZIE: IL CADAVERE RITROVATO IN MARE

Sono stati i vigili del fuoco di Trieste a trovare il cadavere della donna nello specchio di mare davanti a Portopiccolo, a Sistiana.

 Dopo la prudenza nella giornata di ieri, questa mattina arriva la conferma. Il cadavere di Marina Buttazzoni è stato identificato da suo fratello che in queste settimane dalla tv aveva lanciato diversi appelli per cercare la donna; il corpo ritrovato dagli esperti del nucleo speleo-alpino-fluviale dei pompieri è senza dubbio quello dell’artigiana friulana, 54 anni, scomparsa lo scorso 17 gennaio dalla sua casa udinese dopo aver fatto visita all’anziana madre.

Bisognerà adesso capire se Marina abbia deciso di togliersi la vita con un gesto estremo o se è successo altro. Nelle prossime ore, dopo i risultati dell’autopsia arriveranno anche maggiori dettagli su quanto accaduto alla donna. Il fratelli di Marina, nei suoi appelli per cercarla, si diceva preoccupato perchè la donna, aveva dei piccolo problemi economici. Forse questa la causa di un gesto come quello del suicidio. Per una piccola imprenditrice come lei, veder fallire un sogno forse, era qualcosa di insuperabile.

Non si escludono però anche altre piste.

Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close