Coronavirus ultime notizie dal Veneto: morto Adriano Trevisan, altri due contagiati

Il 21 febbraio 2020 in Italia c’è il primo morto per Coronavirus. A poche ore dalla notizia di due casi in Veneto, che hanno colpito due pensionati, arriva l’aggiornamento che nessuno avrebbe voluto dare. Adriano Trevisan, un pensionato di 77 anni, è morto. Il secondo contagiato, che era stato ricoverato insieme a lui, pare sia un amico. I due giocavano spesso insieme a carte in un bar. Al momento non si riesce a capire chi possa aver contagiato i due anziani che non avrebbero avuto contatti con persone provenienti dalla Cina. Oltre all’amico della prima vittima, anche un’altra persona in Veneto sarebbe stata contagiata da coronavirus, in una zona distante da quella frequentata dai due pensionati. Si tratterebbe della provincia di Venezia.

Ma vediamo quelle che sono le ultime notizie dal Veneto.

CORONAVIRUS IN VENETO ULTIME NOTIZIE: DUE CONTAGIATI DOPO LA MORTE DI ADRIANO TREVISAN

 La persona risultata positiva al test è di Dolo, nel veneziano, ed è ricoverato in terapia intensiva. Gli accertamenti sono stati fatti dal centro di riferimento regionale di Padova. Come da prassi il campione è stato inviato allo Spallanzani di Roma per la conferma.

Fonti della Regione informano intanto che è in condizioni stazionarie l’uomo di 67 anni di Vò Euganeo che fino a ieri era il secondo caso di contagio da coronavirus in Veneto. L’amico con cui, per cause ancora ignote, aveva condiviso il contagio, Adriano Trevisan, 77 anni, è stato il primo deceduto in Italia. Fa molto preoccupare il fatto che il signor Trevisan fosse stato ricoverato in ospedale 15 giorni fa e solo ieri è stata fatta la diagnosi di coronavirus. Questo non solo fa pensare che al momento nei nostri ospedali sembra non esserci la giusta valutazione di quello che accade, come è successo con il paziente 1 di Codogno, rimandato anche a casa dopo la prima visita medica al pronto soccorso, ma che i pazienti vengono a contatto con diverse persone che potrebbero nel tempo, risultare anche contagiate.

 Trevisan, padre di tre figli fra cui un ex sindaco del Paese, era stato giudicato in gravi condizioni dai medici. Il governatore del Veneto Luca Zaia ha disposto lo svuotamento del nosocomio di Schiavonia. In questo ospedale alcuni test sono risultati positivi tra i tamponi già effettuati (in tutto saranno controllate seicento persone).

L’ospedale sarebbe stato completamente evacuato questa mattina e chiuso. I pazienti sono stati sottoposti al tampone e nelle prossime ore si cercherà di capire quali sono i numeri di un eventuale contagio che si spera non ci sia stato. Nel frattempo si continua a cercare il paziente zero che in Veneto ha contagiato prima i due anziani e poi la terza persona in provincia di Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.