A Caltanissetta un pensionato uccide sua moglie e confessa: “Sono stato io”


Ultime notizie dalla Sicilia oggi 18 maggio 2020 e purtroppo non sono buone. Ancora una volta infatti dobbiamo raccontarvi di un omicidio, un femminicidio. Un uomo che uccide sua moglie, questa volta è successo a Niscemi, in provincia di Caltanissetta.

Un pensionato, Vincenzo Buccheri, 67 anni, per il quale la settimana scorsa sarebbe stato richiesto il trattamento sanitario obbligatorio, questa mattina ha ucciso la moglie, Giuseppa Pardo, casalinga di 66 anni. Lo riferisce oggi il Giornale di Sicilia. Cronaca forse di una tragedia annunciata? Troppo spesso purtroppo sentiamo parlare di queste vicende.

Il femminicidio è stato consumato all’interno della casa della coppia. Sono stati i vicini di casa a chiedere l’intervento degli operatori del 118. Negli ultimi tempi pare che Vincenzo Buccheri avesse manifestato i segni preoccupanti di seri disturbi mentali. Sul femminicidio indagano i carabinieri della Stazione di Niscemi e quelli del Reparto territoriale di Gela.

NISCEMI UCCIDE SUA MOGLIE E SI COSTITUISCE: LE ULTIME NOTIZIE

E’ stato l’uomo a confessare l’omicidio di sua moglie mettendosi subito in contatto con le forze dell’ordine. Recandosi in caserma, sempre secondo quanto riferisce il Giornale di Sicilia, l’uomo ha confessato: “Ho ucciso mia moglie, sono qui per costituirmi”. Pare che non fosse particolarmente agitato al momento della sua confessione in caserma.

I carabinieri, coordinati dal colonnello Ivan Borracchia, hanno quindi iniziato le loro indagini. Si sono immediatamente recati presso l’abitazione della coppia. Lì hanno ritrovato il cadavere di Giuseppa Pardo in una lago di sangue. L’uomo invece è al momento in stato di fermo, in attesa di essere ascoltato dal sostituto procuratore di Gela Mario Calabrese.

Al momento ignoti i motivi che avrebbero portato l’uomo a uccidere sua moglie. Nelle prossime ore potrebbero arrivare maggiori dettagli sul caso.

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close