Ema dà il via libera al vaccino AstraZeneca: sicuro ed efficace

C’era grande attesa per la decisione dell’Ema che, dopo gli accertamenti delle ultime 48 ore, avrebbe dovuto comunicare a tutta l’Europa la decisione relativa al vaccino Astrazeneca. Pochi minuti fa la conferenza stampa in diretta da Amsterdam con le prime comunicazioni ufficiali: il vaccino è sicuro, si può andare avanti con la campagna vaccinale e riprendere da dove tutto è stato interrotto.

“Il vaccino AstraZeneca è sicuro, efficace, i benefici sono superiori ai rischi ed escludiamo relazioni tra casi di trombosi” e la somministrazione dei sieri. Lo afferma la direttrice di Ema Emer Cooke argomentando il via libera al vaccino. In Italia, in questi due giorni di sospensione si stima sia perso del tempo che dovrà essere recuperato. Si parla di due settimane di slittamento ma dal Governo sono fiduciosi. Si cercherà di fare il possibile per vaccinare il maggior numero di persone. Da aprile, secondo quelle che sono state le previsioni del Governo e dei tecnici, si dovranno necessariamente vaccinare almeno 500 mila persone ogni giorno in modo da avere, numeri che possano far pensare che, entro l’autunno, chi lo vorrà potrà essere vaccinato.

Ema ha deciso: via libera per il vaccino Astrazeneca

Per la commissione clinica dell’Ema il vaccino di AstraZeneca “non può essere associato a un incremento degli eventi di trombosi“. Lo ha detto Emer Cook, direttrice dell’Ema, in conferenza stampa.

“Lanceremo ulteriori approfondimenti per capire di piu’” riguardo agli eventi avversi rari segnalati dopo la vaccinazione con AstraZeneca. Lo ha detto la direttrice dell’Agenzia europea del farmaco (Ema), Emer Cooke, parlando in conferenza stampa. 

I casi di trombosi dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca “sono inferiori” a quelli che avvengono tra la popolazione non vaccinata. Lo ha detto Sabien Straus, presidente del Prac (Commissione di farmacovigilanza) , nella conferenza stampa dell’Ema. 

Nelle ultime ore si era parlato di questi numeri: su 5 milioni di vaccinazioni in tutta Europa, erano stati segnalati meno di 50 casi sospetti tra trombosi e altre reazioni. Ma anche Ema ribadisce che non ci sono collegamenti tra il vaccino e i malori successivi. Nel dettaglio, in conferenza stampa vengono forniti questi dati: “Fino a ieri sono stati segnalati sette casi di coagulazione intravascolare e 18 casi di trombosi su quasi 20 milioni di persone vaccinate”.

II benefici del vaccino di AstraZeneca continuano ad essere molto superiori ai rischi. La commissione sulla sicurezza dell’Ema non ha trovato prova di problemi di qualità o sui lotti”. Cosi’ Sabine Strauss, a capo della commissione sulla sicurezza dell’Ema. 

Si continuerà comunque a osservare tutto ed è per questo che viene chiesto a chi riceve il vaccino AstraZeneca, di segnalare eventuali complicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.