Bimbo di 5 anni risucchiato dal bocchettone della piscina a Gallipoli

Un week end da dimenticare per i turisti in Salento. Non solo fuochi su tutto il territorio e problemi legati agli incendi ma anche due morti nel fine settimana. Il bilancio tragico dopo la caduta di due turisti dalle scogliere di Otranto, che speriamo non peggiori visto che anche un bambino ieri ha avuto un drammatico incidente a Gallipoli, altra meta ambita nel turismo salentino. Un bambino di 5 anni è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Perrino di Brindisi dopo essere stato risucchiato, rimanendo incastrato, in un bocchettone dell’acqua della piscina di un parco acquatico a Gallipoli. Il piccolo era con i genitori e stava passando un sabato all’insegna del divertimento, prima che questa giornata all’acquapark si trasformasse in trageia. A quanto si è appreso, le grate che proteggono il bocchettone, al momento dell’ispezione dei carabinieri, erano al loro posto: gli inquirenti stanno verificando se si siano spostate accidentalmente.

Bimbo di 5 anni ferito a Gallipoli nel parco acquatico: le ultime notizie

Il bambino di 5 anni è stato inizialmente ricoverato all’ospedale di Gallipoli, ma poi, con l’aggravarsi delle sue condizioni, è stato trasferito a Brindisi dove è ricoverato con prognosi riservata.

Poco dopo le 13,30 il bambino si trovava nella piscina baby insieme con la madre. Improvvisamente si sono sentite le urla della donna, quando i piedi del piccolo erano stati risucchiati da uno dei due bocchettoni posizionati a circa 30-40 centimetri sotto il pelo dell’acqua. Il piccolo, secondo quanto si apprende, sarebbe stato salvato da alcuni bagnanti che si sono gettati subito in acqua attirati dalle richieste di aiuto della madre del bambino.

Non sono arrivate altre notizie questa mattina, dopo il ricovero in ospedale del piccolo. La speranza è che possa uscire presto dalla prognosi riservata e stare meglio.

( foto dalla pagina Fb Splash-immagine di repertorio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.