Arrestato lo zio di Saman Abbas: le ultime notizie

E’ arrivata oggi la svolta che si aspettava da mesi. Lo zio di Saman Abbas è stato arrestato a Parigi. L’uomo era scappato dall’Italia dopo che la diciottenne era scomparsa nel nulla alla fine del mese di aprile. Il fratello di Saman, che era stato invece fermato prima che potesse far perdere le sue tracce, aveva subito puntato il dito contro lo zio che aveva avuto il ruolo di carnefice dicendo che era stato lui a uccidere la ragazza. Oggi la notizia che si aspettava da tempo. Grazie a un mandato di cattura europeo, Danish Hasnain è stato rintracciato in una casa del quartiere di Garges les Gonesse: non era solo in casa e in tutti questi mesi ha potuto contare su un solida rete di connazionali che l’hanno protetto e nascosto. Non sono servite a nulla le tante richieste di aiuto e il fatto che in Italia, la sua faccia, fosse su tutti i programmi di informazione. Danish si è nascosto fino a poche ore fa. Sarebbe stato tradito dall’uso dei social.

Per la consegna all’Italia dalla Francia – spiega la procuratrice di Reggio Emilia Isabella Chiesi, affiancata dal nuovo comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Andrea Milani – “di solito i tempi sono una settimana, dieci giorni. Per allora contiamo di avere contezza di qualcosa di più”.

Saman Abbas ultime notizie: si attende l’arrivo in Italia del pakistano

Fino a oggi, l’unico indagato a essere stato preso era stato Ikram Ijaz, 28 anni. Cugino di Saman, era stato bloccato a maggio a Nimes, mentre stava andando, a bordo di un pullman, dalla Francia alla Spagna. Il fratello di Saman aveva detto che era stato lo zio a uccidere sua sorella, probabilmente a mani nude visto che non aveva nulla per compiere questo omicidio. Adesso si attende il rientro in Italia di Danish per ascoltare le sue parole. Forse potrebbe arrivare, se mai confessasse, la fine di questa triste storia. Saman viene cercata dalla metà del mese di maggio a Novellara ma purtroppo, del suo cadavere, non ci sono tracce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.