Graziella Bartolotta ritrovata morta in casa ad Ardea: indagato il figlio

Non si è sottratto alle telecamere anzi, ha risposto ai giornalisti che da ieri gli chiedono cosa possa esser successo nelal casa in cui sua madre è stata ritrovata morta. “Penso di essere indagato” aveva detto ieri ai giornalisti di Chi l’ha visto che lo hanno sentito subito dopo il ritrovamento del cadavere della madre. Il figlio della donna morta nella casa di Tor San Lorenzo ( nel comune di Ardea), poco fuori Roma, dice di non avere nessuna implicazione con la morte dei sua madre. “Ho comprato una casa qui per assisterla, perchè mai avrei dovuto ucciderla, mi prendo cura di lei da 40 anni” ha detto l’uomo che è stato però l’ultimo ad aver visto la 68enne ritrovata in una pozza di sangue dalla sua badante. “Mi hanno detto di confessare ma io non ho fatto nulla, se mi danno 30 anni io non dico bugie” ha commentato l’uomo quello che sta accadendo nelle ultime ore. Oggi la notizia. E’ stato realmente indagato. Le telecamere che hanno registrato i movimenti dell’uomo la mattina in cui sua madre sarebbe stata uccisa, non hanno ripreso altre persone nei pressi dell’abitazione. Eppure l’uomo continua a essere convinto della sua posizione. In un primo momento ha pensato che sua madre fosse caduta in bagno, anche se non riusciva a muoversi bene, ha raccontato, spesso si alzava lo stesso. Poi ha spiegato che forse qualcuno è entrato in casa dalla finestra, che per via del caldo poteva essere rimasta aperta.

Omicidio Graziella Bartolotta ultime notizie: indagato il figlio

Quando la badante della donna è entrata in casa, l’ha trovata ormai senza vita. Le urla hanno spaventato il vicino che ha subito chiamato i soccorsi. Poi anche la chiamata al figlio. “Mi ha detto che era tutta piena di sangue, le ho detto di chiamare l’ambulanza e poi le ho chiesto se si era svegliata. Mi ha detto che era morta, come è morta? ” ha detto il figlio della vittima parlando con i giornalisti di Chi l’ha visto.

La Procura di Velletri ha aperto un fascicolo per omicidio. A condurre le indagini sono i carabinieri, coordinati dal procuratore Giancarlo Amato. L’abitazione della donna è stata posta sotto sequestro. Sarà l’autopsia a chiarire con esattezza le cause del decesso della 68enne che potrebbe essere avvenuto, secondo i primi accertamenti medico legali, entro 24 ore dal ritrovamento. Il figlio di Graziella ha spiegato che la mattina, prima di andare a lavoro, sua madre era ancora viva. Lui è entrato in casa, ha bevuto un po’ di caffè con lei e poi è andato via. E’ rientrato poco dopo per riprendere una cosa che aveva dimenticato prima di andare a lavoro. Ma è l’unico ad averla vista e questa è la sua versione dei fatti.

Quello che desta sospetto è il fatto che l’abitazione fosse perfettamente in ordine quando sul posto sono arrivati i soccorritori del 118 e i primi agenti. Non ci sono segni di effrazione o nulla che lasci pensare a una rapina finita male. Il figlio della vittima invece, ha diversi graffi anche sul volto. Alla giornalista di Chi l’ha visto che ha fatto notare quei segni ha spiegato che essendo un giardiniere, spesso si fa male con le piante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.