E’ stato ritrovato il piccolo David: le ultime notizie dalla Romania

Probabilmente nelle prossime ore mamma Alexandra potrà riabbracciare il suo bambino. Ieri la donna aveva scelto di chiudersi nel silenzio, con la speranza che meno clamore mediatico intorno alla vicenda, avrebbe fatto cambiare le intenzioni del suo ex marito. La famiglia di lui aveva infatti contattato la donna, chiedendo di risolvere la cosa in modo più intimo. Oggi per fortuna arriva la notizia che speravamo di avere: la polizia rumena ha rintracciato il padre del piccolo David su un treno. Il bambino era insieme a lui. Ieri Bogdan aveva anche condiviso sui social le immagini del piccolo, forse per dimostrare che era sereno e per nulla spaventato da quello che stava succedendo. Certamente la speranza è che il bambino abbia vissuto tutto come un grande gioco, anche se non potrà dimenticare lo strazio della mamma mentre lo portavano via dalle sue braccia martedì mattina.

Oggi le autorità romene trasmetteranno ai carabinieri tutta la documentazione relativa all’operazione conclusasi nella tarda serata di ieri. 

E’ stato ritrovato il piccolo David: le ultime notizie

Secondo quanto si apprende, la notizia è arrivata dalla Romania ed è stata confermata anche da alcune fonti in Italia, il piccolo David è stato ritrovato; il bambino di 5 anni, era stato rapito martedì scorso a Padova dal padre, un romeno, che con tre complici l’aveva strappato dalle braccia della madre per poi fuggire. Secondo le prime informazioni, l’uomo e il figlio sarebbero stati rintracciati dalla polizia romena a bordo di un treno. Lo confermano fonti investigative italiane. David sarebbe stato preso in custodia da parte della polizia rumena e portato in un posto protetto.

Alexandra, dopo il ritrovamento a Padova del furgone usato per sequestrare il piccolo, aveva paura che il suo ex avesse portato il bambino lontano e non sbagliava. Ma per fortuna questo incubo per la famiglia sta per finire. E’ la seconda volta che David viene rapito da suo padre, un dolore che la mamma e tutti i familiari non potranno dimenticare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.