Dora Lagreca ultime notizie, nuova ipotesi: caduta dopo una spinta improvvisa

morte dora lagreca

Arrivano i primi risultati dai test che i medici legali stanno facendo sul cadavere della giovanissima Dora Lagreca. E quello che sembra emergere è che Dora sia caduta in seguito a una spinta. Questo non significa che la ragazza sia stata spinta in modo volontario, e che quindi siamo di fronte a un omicidio. Potrebbe esser stato comunque un incidente. Sarà quindi fondamentale, con i risultati di tutti i test effettuati in questi giorni, e le perizie, capire se davvero la versione del fidanzato di Dora è quella reale, se davvero il giovane che ha subito cercato di soccorrere Dora dopo la sua morte, ha raccontato la verità. Emerge dalle ultime indiscrezioni, che il fidanzato di Dora avrebbe raccontato altri dettagli su quella sera. Avrebbe detto che Dora era molto nervosa, tanto da arrivare a balbettare prima di aprire il balcone e cadere giù in modo fatale.

La morte di Dora Lagreca: le ultime notizie

Le lesioni non avrebbero interessato la testa di Dora e questo lascia pensare a una caduta di un certo tipo. Si pensa a una sorta di spinta ma è da capire se sia stata una spinta volontaria o un incidente. Sembra quindi essere da escludere l’ipotesi del suicidio, come aveva detto da sempre la famiglia della ragazza sottolineando che non aveva nessun motivo per farlo. Non ci sarebbero invece delle lesioni del tronco, come era emerso in un primo momento. Ma sono tante le cose che si dicono in queste ore, tante le indiscrezioni in attesa dell’ufficialità delle notizie. Secondo altre indiscrezioni, a causare il decesso sembra sia stata la rottura del torace, dovuto forse all’impatto con la ringhiera. Un particolare che potrebbe ricondurre ad una caduta improvvisa, non volontaria. 

Ricordiamo che il fidanzato di Dora continua a essere indagato per istigazione al suicidio e che ha sempre detto di aver cercato di salvare la ragazza non appena ha capito che stava precipitando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.