Cuba, Disco Ayala: la discoteca situata dentro la caverna rifugio di un serial killer

Disco Ayala è una discoteca situata dentro la caverna che fu usata come rifugio da un serial killer. Il particolare locale è situato a Trinidad, sull’isola di Cuba. La discoteca si trova sotto terra e per entrarci bisogna superare uno stretto tunnel. Quest’ultimo porta in una grande sala dal pavimento in marmo, con tre piste da ballo e tre bar. Luci e colori fanno di questa discoteca una location insolita, ma ciò che più ha contraddistinto la struttura è il fatto che è situata in una caverna che prima era il rifugio di un pericoloso serial killer. Sopra la caverna, si trova un foro che permette il ricambio d’aria e mantiene la solidità strutturale.

In tal modo di evita che le onde sonore possano provocare dei danni alla caverna. La discoteca ha preso in prestito il nome a Carlos (detto Coco) Ayala: un serial killer che rapiva e uccideva bambini nel diciannovesimo secolo. Proprio in quella caverna avrebbe consumato numerosi delitti. Disco Ayala è il nome della discoteca eretta “in onore” del serial killer Carlos. Ovviamente, l’idea ha creato non poche polemiche. La sua figura è considerata al pari di quella di un uomo nero. A Cuba, la leggenda narra che non pochi genitori dicano ai propri figli di fare i buoni altrimenti viene l’uomo delle caverne a prenderli.

Il serial killer 80enne Charles Manson si sposa con una 26enne – LEGGI QUI

Carlos Ayala è stato un serial killer che è entrata nell’immaginario collettivo degli abitanti locali. La sua figura ha creato non pochi dibattiti. Alcuni dicono che si tratti soltanto di una leggenda, altri sono convinti che sia esistito realmente. I proprietari dicono di aver scelto la caverna come location soltanto per le sue particolari caratteristiche naturali: non volevano speculare sulla figura dell’assassino di bambini. Sta di fatto che Disco Ayala ha avuto un grande successo e il riferimento al suo nome è soltanto perché quella grotta è stata identificata con il nome del particolare abitante a cui diede rifugio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.