O’sistema, la pagina Facebook sostiene la Camorra?

La pagina Facebook O’sistema sta facendo molto discutere. Sostiene la Camorra? A quanto pare questa pagina Facebook, che ha ottenuto al momento quasi 25.600 mi piace, nasce come iniziativa a sostegno delle persone che si trovano in carcere. Sorge però il dubbio che, pur se non in modo del tutto evidente, questa pagina sostenga la Camorra. Sulla pagina Facebook O’sistema sono comparse immagini e frasi ambigue. Si legge ad esempio “pentito guappo di cartone”, o ancora “odio gli sbirri”, e molto altro ancora.

Il “Sistema” è un altro nome che spesso serve ad indicare proprio la Camorra. A quanto pare, oltre ad essere sostenuto dalle persone che ne fanno parte e vivono nella malavita, ottiene anche molto successo su Facebook. Il numero di 25.600 mi piace circa ottenuto, lascia davvero senza parole.

Di che colore sono i cuori? Ecco la nuova illusione ottica che fa impazzire il web (VIDEO)

Le immagini richiamano alla violenza, con armi e frasi che incitano alla vendetta. Questo tipo di immagini girano sul web, e sono molti i giovani napoletani che le condividono, non solo all’interno della pagina Facebook O’sistema.

Basti ricordare l’agghiacciante foto postata dal giovane di 26 anni Andrea Saraiello, morto a settembre 2015 ucciso proprio da individui legati alla Camorra. Poco prima di morire sul suo profilo Facebook compariva una sua foto con una pistola d’oro puntata alla sua testa.

E’ giusto che pagine così abbiano la libertà di raccogliere sostenitori sul web? Incitare alla violenza non dovrebbe essere proibito? Eppure a quanto pare ancora una volta si viaggia ai limiti della legalità, e pagine Facebook come O’sistema hanno il diritto di esistere al pari di altre che parlano di cose molto più leggere e che non sostengono, neanche lontanamente, organizzazioni criminali.

Canone Rai, arrivano e-mail truffa: come riconoscerle ed evitarle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.