Meghan Markle come Lady Diana, la dichiarazione choc sulla fine della moglie di Harry (Foto)

Nuove indiscrezioni su Meghan Markle e questa volta non è per un suo atteggiamento; a parlare sarebbero persone molto vicine alla royal family (foto). Meghan sarebbe in vera difficoltà con il protocollo reale. A riportare tutto è Vanity Fair e a parlare sarebbe l’ex maggiordomo di Lady Diana. Paul Burrell avrebbe riferito che la Markle deve stare vicino al principe Harry, deve guadagnarsi la fiducia della regina; che Buckinghan Palace è un campo minato per chi vi entra per la prima volta. Ci sarebbero trappole e niente gentilezza per l’ex attrice. Possibile che sia tutto così terribile? Inoltre, dichiarazioni choc che sarebbero arrivate dal biografo reale Tom Bower. Quest’ultimo avrebbe evidenziato che Meghan Markle si stia comportando come Lady D e che la sua fine potrebbe essere la stessa a meno che qualcuno non la salvi facendole capire che a Palazzo non funziona così come lei vorrebbe.

LE DICHIARAZIONI CHOC DEL BIOGRAFO REALE TOM BOWER

Le polemiche piovute sulla moglie del principe Harry d’Inghilterra sono tante, sono diventate numerose arrivando fino alle chiacchiere sul fuggi fuggi di alcuni collaboratori e addirittura sui contrasti tra le duchesse, Meghan e Kate, e tra i fratelli, William ed Harry. A sconvolgere tutti sarebbe proprio il commento choc del biografo.

“Il problema è che sta cercando di comportarsi come Diana. Sta cercando di ritagliarsi un nuovo ruolo e la tragedia di questa storia è che finirà allo stesso modo, a meno che qualcuno non passi da Palazzo e le dica ‘Qui le cose funzionano così”queste le parole di Tom Bower. L’ex maggiordomo di Lady Diana avrebbe detto: “Buckingham Palace è un campo minato per chiunque vi entri per la prima volta. Tutti mettono trappole, non saranno di certo stati gentili con questa ragazza. Chi vorrebbe far parte di quella famiglia? Meghan deve stare vicino a Harry e deve guadagnarsi la fiducia della regina”. Cosa c’è di vero in tutto questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.