Chiara Ferragni con la mascherina sui social per lanciare un appello in tutto il mondo


Chiara Ferragni continua a lanciare messaggi dai suoi profili social e ieri, ha scelto di informare le persone che la seguono in tutto il mondo, in merito a quello che sta accadendo in Italia. Lo fa per lanciare un messaggio forte, per dimostrare che insieme ce la faremo ma soprattutto per spiegare che non è uno scherzo e che c’è poco sui cui ironizzare. Negli altri paese europei infatti, ancora oggi, dopo le nuove restrizioni prese dall’Italia, si continua forse a prendere sotto gamba il problema mentre negli Usa, la situazione è diversa. Ieri sera Trump ha parlato a reti unificate ai cittadini americani spiegando la sua decisione di chiudere ogni contatto con l’Europa, come si era fatto prima con la Cina. L’NBA è stata sospesa, chiuse centinaia di scuole e annullati eventi.

I followers di Chiara in queste ore le stanno chiedendo spiegazioni ed è per questo che lei, con la mascherina sui social, ha raccontato come in Italia si affronta questa emergenza e come si prova a combattere il coronavirus.

CHIARA FERRAGNI CON LA MASCHERINA SUI SOCIAL SPIEGA COSA STA SUCCEDENDO IN ITALIA

Le parole di Chiara Ferragni sui social:

 “Questo per spiegare appieno la situazione a tutti i miei seguaci stranieri (il 70% dei miei 18,7 milioni) che al momento non capiscono chiaramente la situazione qui in Italia: è cattiva. Abbiamo più di 10.000 casi, più di 600 morti e più di 5000 persone negli ospedali in gravi condizioni. Gli ospedali non sono pronti per tutti questi casi e medici e infermieri stanno facendo tutto il possibile per aiutare il maggior numero possibile di persone, ma se il numero di malati non rallenta, dovranno iniziare a scegliere i pazienti da curare in base a quanto sono giovani e hanno la probabilità di sopravvivere. Fedez io abbiamo aperto una raccolta fondi lunedì per aiutare un ospedale a Milano che ha ricevuto oltre 3,6 milioni di euro di offerte. Lo Stato ha deciso di BLOCCARE TUTTI GLI ITALIANI nelle loro case fino al 3 aprile per impedire che il virus si diffonda ancora di più e per evitare il collasso dell’intero sistema e degli ospedali. Viviamo tutti in quarantena in questo momento, come alcune città cinesi hanno fatto lo scorso mese. Quindi, per favore, abbiate consapevolezza e cercate di capire che questa non è un’influenza comune ed è molto più pericolosa per tutti noi: rimanete a casa più possibile in questo momento critico. E se potete, aiutate a dire agli altri di stare attenti e aiutate l’Italia con i suoi ospedali. Grazie”.

Il messaggio in inglese

This is to fully explain the situation to all my foreigner followers (70% of my 18.7 millions) who clearly don’t understand the situation here in Italy at the moment: IT IS BAD. We have more than 10.000 cases, more than 600 deaths and more than 5000 people at the hospitals with bad conditions. The hospitals are not ready for all these cases and doctors and nurses are doing all they can to help as many as possible but if the number of sick doesn’t slow down they’ll have to start choosing patients based on how young and likely to survive they are. @fedez and I started a crowdfunding on Monday to help a hospital in Milan and it got over 3.6 millions € in offers and so many other people started collecting for other hospitals but there is still a lot that has to be done. The State decided to LOCK ALL OF THE ITALIANS inside their houses til April 3rd to prevent the virus to spread even more and to avoid the whole system and hospitals to collapse. We’re all living in quarantene right now, like some cities in China have done this past month. So please, start the awareness and understand that this is not a common flu and it’s way more dangerous for all of us: STAY IN as much as possible in this critical time. And If you can, help telling others to be careful and help Italy with its hospitals

Leggi altri articoli di News dal mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close