Christian Jessen ironizza sugli italiani e il Coronavirus, lui è il dottore di Malattie imbarazzanti

Più di Malattie imbarazzanti è imbarazzante il commento del dottor Christian Jessen sugli italiani che starebbero approfittando del Coronavirus per fare una siesta. Secondo il famoso medico e conduttore noi tutti ci stiamo riposando, stiamo sfruttando l’emergenza sanitaria per non fare niente, chiudere le scuole, i negozi e il resto, insomma tutto per non lavorare per un po’. Quindi per lui siamo tutti in vacanza, ed è sempre il medico di Malattie imbarazzanti a dire che la sua dichiarazione non deve essere intesa come razzista, no lui è davvero convinto di ciò che ha affermato durante un’intervista a Fubar Radio. Strano visto che si tratta di Pandemia e che uno Stato dopo l’altro sta coinvolgendo tutti quasi allo stesso modo. Un’intervista telefonica che ha lasciato tutti perplessi e l’intervista è di oggi, con le vittime che in Italia sono già 1000 senza considerare i nostri ospedali che al Nord sono in grave difficoltà. 

IL PREMIER BRITANNICO BORIS JOHNSON RITARDA LA CHIUSURA DELLE SCUOLE E JESSEN ATTACCA GLI ITALIANI

Tutto nasce dalla decisione di Johnson, scelta che Jessen condivide del tutto: “Sono davvero d’accordo con lui. Penso che sia un’epidemia vissuta più nella stampa che nella realtà. Voglio dire, se pensi all’influenza stagionale, senza prenderla troppo sul serio, l’influenza uccide migliaia ogni anno”. Tutto giusto per chi non guarda al di là del proprio dito puntato contro qualcuno. 

“Questo potrebbe sembrare un po’ razzista e dovrete scusarmi, ma non pensate che il Coronavirus sia un po’ una scusa? Gli italiani usano delle scuse per chiudere tutto e smettere di lavorare di lavorare per un po’, per avere una lunga siesta” questa la dichiarazione che ci deve far riflettere su altro mentre resta chiaro che stare in casa adesso è fondamentale per fermare il virus. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.