Clio Make Up non è pronta al parto, non sa cosa fare e cosa succederà

A poche settimane dal parto Clio Make Up dovrebbe come tutte le donne in dolce attesa sentirsi pronta per dare alla luce la sua seconda figlia ma il coronavirus ha stravolto le vite di tutti. Clio Zammatteo è scappata da New York, in lacrime poche settimane fa ha confidato ai suoi follower che aveva paura, che c’erano file lunghissime davanti ai negozi che vendono armi. Il giorno dopo aveva lasciato la casa con suo marito e la piccola Grace, ospitati in Virginia da una carissima amica, youtuber come lei. Sono passati un po’ di giorni e la situazione non è certo migliorata per quanto riguarda l’emergenza sanitaria, forse è un po’ più tranquilla lei che pensa di tornare a casa sua. Il realtà non vorrebbe ma in Virginia Clio non ha assistenza sanitaria, partorire in Virginia per lei sarebbe ben più complicato. Negli Stati Uniti la sanità è ben diversa che da noi e a Clio Make Up preoccupano tante cose. E’ un momento difficile per tutti, il sistema sanitario americano rende tutto più complicato, in più la follia delle armi. 

CLIO ZAMMATTEO RACCONTA A MARCO MONTY MONTEMAGNO CHE NON SA DOVE PARTORIRA’

“Non so ancora cosa faremo e cosa succederà. Ci informiamo giorno per giorno tramite gli amici che sono a New York. Al momento non so ancora dove partorirò – ha aggiunto – Mancano tre settimane al parto ed io sono in Virginia, stiamo decidendo se tornare a New York. Tra i tanti problemi, c’è quello legato alla Sanità ed alla assicurazione, io non ho l’assicurazione in Virginia. Abbiamo diversi piani e sto cercando di capire cosa fare”.

Clio e Claudio hanno anche valutato l’ipotesi di partorire a casa ma se qualcosa non andasse bene ci sarebbe bisogno di accedere all’Emergency Rom, e quello è uno dei luoghi più pericolosi per il coronavirus. “Anche in America avevano sottovalutato il virus. E adesso, come in Italia, si trovano con gli ospedali pieni” inoltre, il cesareo non lo fanno se la mamma o il bebè non hanno problemi. Non è certo così che aveva immaginato questo momento. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.