Antonella Clerici in ospedale per Maelle e come sempre non mancano le critiche (Foto)

Antonella Clerici mentre si recava in ospedale per Maelle non immaginava di certo che postando sui social una foto del ponte di Genova avrebbe scatenato le solite critiche di chi è sempre in cerca di mettere in cattiva luce qualcuno. Ha però dovuto spiegare il perché in quel momento stesse passando sul nuovo ponte, come aveva scritto nella didascalia. Il suo voleva essere un omaggio e non un modo per suscitare la rabbia di chi non può muoversi da casa, non può uscire dalla regione. Sappiamo bene che è possibile recarsi in un’altra regione solo in alcuni casi, di necessità nel caso di Antonella Clerici, doveva portare Maelle in ospedale per una visita oculistica urgente. I soliti leoni da tastiera non ci hanno messo più di un attimo e quando hanno capito che Arquata Scrivia, dove abita la conduttrice, è in Piemonte, l’hanno attaccata chiedendo spiegazioni. La Clerici ha perso anche tempo a rispondere spiegando a chi le suggeriva di andare all’ospedale di Torino che è ben più vicina Genova per lei, solo mezz’ora d’auto.

ANTONELLA CLERICI E MAELLE INSIEME BELLISSIME A DOMENICA IN

ANTONELLA CLERICI HA SEMPRE CONSIGLIATO A TUTTI DI RESTARE A CASA

E’ sempre stata schietta, anche quando in pieno lockdown vedeva troppa gente uscire di casa seguendo social e tv. A qualcuno non è parso vero che fosse proprio lei a macchiarsi di cattiva condotta lasciando casa per Genova alla prima occasione. “Hai sconfinato cara Antonella” è uno dei commenti a cui ha risposto spiegando: “Visita oculistica urgente per Maelle”.

Altri le hanno suggerito di non preoccuparsi di rispondere ma è chiaro volesse spegnere subito l’inutile polemica. E’ anche comprensibile che tante persone siano stanche di restare chiuse in casa, spaventate dal comportante leggero di altri. Per i curiosi il risultato della visita ha tranquillizzato la conduttrice, come lei stessa ha commentato rispondendo a chi lo ha chiesto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.