Melissa Satta ipotizza come è avvenuto il contagio per lei e suo figlio (Foto)

Melissa Satta sta bene, si è ripresa dal covid che l’ha bloccata a letto per una settimana, oggi racconta come sarebbe avvenuto il contagio (foto). In un’intervista al Corriere Melissa Satta ha ribadito ciò che aveva già scritto sui social ma ha dovuto rispondere a qualche domanda in più. E’ stata chiusa in casa per due settimane, la metà del tempo è stata così male da non riuscire a mettersi in piedi per la paura di svenire. Febbre alta, tosse, quei dolori al petto e tre chili andata via, non è certo una banale influenza, lo ripete ancora una volta ipotizzando il momento del contagio. Per lei non è stata certo una semplice influenza e adesso ripensa a quel fine settimana passato in compagnia di un’amica e di sua figlia, la migliore amica di Maddox. Doveva essere un weekend tranquillo, Melissa e la sua amica erano serene, tranquille, pensavano di non correre nessun rischio lontane da tutti, invece sono poi arrivati i primi sintomi dell’amica.

MELISSA SATTA RACCONTA LE ORE PRIMA DI SCOPRIRE IL CONTAGIO

L’amica della showgirl si è allarmata subito, ha fatto il tampone scoprendo di essere positiva e poi ha avvisato Melissa. “Mi sembrava incredibile perché la mattina mi ero allenata in modo molto intenso ed ero carica di energia – ha spiegato la Satta – Poi lunedì notte la febbre è salita a 39”. Una settimana ferma a letto con la paura di svenire per la stanchezza che avvertiva fortissima, poi sono arrivati il bruciore al petto e la tosse.

Prima di scoprire che anche Maddox era stato contagiato si è isolata nella sua camera da letto ma il figlio non accettava questa separazione, continuava a ripete che voleva anche lui il Covid perché non voleva stare lontano dalla mamma. Si sono poi riabbracciati due giorni dopo, anche il piccolo era positivo ma per fortuna stava bene. Negativo invece Boateng che è rimasto a distanza dalla sua famiglia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.